Una notte tra multe e sequestri di patente

0
167
Agenti della polizia locale di Sesto durante un controllo
Irana Tappeti Cinisello

SESTO SAN GIOVANNI – Otto equipaggi della Polizia Locale di Sesto San Giovanni, due della Compagnia dei Carabinieri e due della Polizia di Stato per un controllo capillare del territorio, della viabilità e degli esercizi commerciali.

Sono le forze scese in campo dalle 19.00 di sabato 23 novembre alle 2.00 di domenica nel contesto di un’operazione su scala interprovinciale che ha coinvolto decine di comuni nelle provincie di Milano, Varese, Bergamo e Brescia.

L’operazione a Sesto prevedeva controlli di polizia stradale, con l’ausilio dell’autovelox e dell’etilometro in forza al Comando, delle zone della città più soggette a segnalazioni da parte dei cittadini, di bar e locali notturni. I dati raccolti sono stati poi trasmessi in Regione per essere analizzati e consentire un impiego più efficiente delle forze deputate al presidio del territorio.

In questa operazione la città di Sesto San Giovanni ha assunto il ruolo di capofila di un’area che comprendeva anche i comuni di Cernusco sul Naviglio e Cologno Monzese.

L’intervento sul territorio di Sesto ha portato al controllo di 287 veicoli e relativi 66 verbali per la violazione del codice della strada, 3 sequestri e 5 patenti ritirate. I controlli sono stati effettuati sulle vie Milanese/Rovani, Breda, Clerici, piazza Repubblica/via Piave, Rondò, via Risorgimento, piazza 1° Maggio, viale Edison, via Cavallotti, via Don Minzoni, via Fogagnolo e piazza S. Maria Ausiliatrice. Sono inoltre stati controllati quattro pubblici esercizi oggetto di precedenti segnalazioni.

“E’ il secondo anno – ha dichiarato il Sindaco Monica Chittò – che aderiamo a questo progetto su scala molto vasta. Abbiamo deciso di iniziare i controlli nelle zone attorno a via Milanese e alla stazione di 1° Maggio per due ragioni principali: perché quelle sono zone dalle quali partono le maggiori segnalazioni da parte dei cittadini di Sesto e perché si tratta di aree non centrali della città. E’ un segnale dell’attenzione che vogliamo dedicare a tutta la città, il messaggio che le istituzioni sono presenti e partono proprio dai problemi percepiti come prioritari dai cittadini per elaborare strategie di intervento e controllo“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here