Un voto per salvare Villa Mirabellino

0
97

Il FAI – Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa Sanpaolo anche quest’anno promuove il Censimento de “I Luoghi del Cuore”, siamo alla X Edizione e tra i partecipanti, non nuova a questa esperienza, vediamo Villa Mirabellino del Parco della Reggia di Monza. A promuovere l’iniziativa per la salvaguardia dei bene monzese è il Comitato Amici del Mirabellino, in collaborazione con il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza. Il Comitato nato con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla valorizzazione dei beni culturali in particolare del complesso Mirabello e Mirabellino che necessitano di un restauro conservativo architettonico. Villa Mirabellino fu edificata nel 1776 dall’architetto Giulio Galliori su committenza del cardinale Angelo Maria Durini per alloggiarvi gli invitati al suo cenacolo letterario. La villa era utilizzata anche per delle semplici cene nelle serate estive, in cui il Cardinale amava conversare con gli amici. Il Cardinale possedeva già una villa, Villa Mirabello, ma decise di costruirne una più piccola, da qui il nome “Mirabellino” come “dépendance”. Le due ville infatti si trovano una di fronte all’altra, collegate da un viale alberato. Nel 1805 le due proprietà dei conti Durini, Villa Mirabello e Villa Mirabellino furono espropriate dal governo francese, che aveva deciso di dotare la Villa Reale di Monza di un vasto parco sullo stile del Castello di Versailles. Nello stesso anno si stabiliva nella Villa Reale di Monza il viceré Eugenio Beauharnais con la moglie Augusta Amalia di Wittelsbach che s’innamorò di entrambe le ville, ma in particolar modo del Mirabellino che le ricordava la residenza di campagna presso Monaco dove era cresciuta. Eugenio donò così il Mirabellino alla moglie che venne rinominata “Villa Augusta”, in onore della viceregina che vi soggiornava frequentemente. La Villa Mirabellino dopo questo passato storico, nei primissimi anni ’50 del XX secolo, divenne, per un periodo, la sede di una scuola elementare pubblica. Oggi l’edificio vive in uno stato di completo abbandono. Da qui la necessità di continuare a promuovere l’iniziativa da parte del Comitato, ed invitare tutti a votare Villa Mirabellino, come prestigioso patrimonio da salvare. Per votare, come si evince dal sito del FAI, c’è tempo fino al 15 dicembre e basta un clic: https://www.fondoambiente.it/luoghi/villa-mirabellino-del-parco-di-monza?ldc

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here