Tentato stupro alla stazione di Sesto, polemiche per la sicurezza

0
493
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un tentato stupro ai danni di una donna di origine equadoregna di 48 anni davanti alla stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni ha suscitato l’ennesima polemica sulla sicurezza in città. Secondo quanto riportato dalle agenzie l’episodio risalirebbe a ieri sera, lunedì alle 21.30, e la donna sarebbe riuscita a divincolarsi dallo sconosciuto che la palpeggiava pesantemente e a denunciare l’episodio ai carabinieri di Milano. Al di là della gravità del fatto, il centrodestra chiede a gran voce maggiori controlli in stazione e la presenza della polizia locale anche di sera. «Questo è un episodio che si sarebbe potuto prevenire, se in stazione così come nel resto della città, il sindaco non avesse ridotto il presidio dei Vigili e fossero stati installati impianti di videosorveglianza come chiedo da tempo – ha tuonato Roberto Di Stefano di Forza Italia –  La loro presenza avrebbe sicuramente scoraggiato il malintenzionato, ma la sinistra preferisce fingere che non servono». Pesante anche il commento su facebook di Pierfrancesco Gallizzi del club Orgoglio Sestese: «Perché Sesto è una città sicura. Perché la presenza di una camionetta dell’Esercito alla Stazione (in supporto a Carabinieri e Polizia) infastidirebbe i criminali (e i compagni) allergici alle divise. Perché qualcuno ritiene giusto sopprimere il turno notturno della pattuglia dei Vigili Urbani e tenerli in ufficio o al massimo utilizzarli per fare le multe! Notizie come queste sono un colpo al cuore per chi crede nell’orgoglio sestese».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here