Strage in Tribunale, il brugherese Giardiello non parla

0
247

Si è avvalso della facoltà di non rispondere, ieri mattina, durante l’interrogatorio in carcere a Monza l’immobiliarista brugherese Claudio Giardiello che il 9 aprile scorso aveva compiuto una strage a Palazzo di Giustizia a Milano uccidendo un giudice, un avvocato e un ex socio e ferendo un ex commercialista milanese. L’uomo che ha ammesso l’addebito e lo ha giustificato con un’esasperazione dovuta a vicende di fallimenti e bancarotte delle sue società, non ha mai rilasciato un interrogatorio completo e per ora attende che la Procura di Brescia, competente per l’uccisione del giudice Fernando Ciampi del Fallimentare prima di tutto e per gli altri delitti, chiuda l’inchiesta e lo rinvii a giudizio. Intanto il 14 maggio si terrà l’udienza del processo per bancarotta al quale comunque il 9 aveva partecipato ma impugnando una pistola e solo per fare la strage.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here