‘Stanze segrete’ è il titolo di una mostra tutta al femminile

0
211

SARONNO -il 26 ottobre alle ore 17.00 si inaugura la mostra di pittura ‘Stanze Segrete’ organizzata dall’Associazione Flangini e con la collaborazione del comune di Saronno.

L’Associazione Giuseppe e Gina Flangini opera ai fini della valorizzazione dei beni culturali, in Italia e all’estero, promuovendo mostre, manifestazioni culturali, attività didattiche di cui cura l’intero processo, dall’ideazione alla produzione. Ha collaborato con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, con il Ministero degli Affari Esteri, con Ambasciate, Istituti Italiani di Cultura all’estero e con le maggiori realtà culturali italiane.

La tematica proposta è quella della ‘stanza’ poichè la STANZA è un tema e un luogo frequente nella letteratura e nell’arte in genere, in letteratura è una porzione di una grande composizione è il luogo “che offre al poeta il conforto della solitudine e della meditazione” (F. Salsano), ma è anche luogo della creazione poetica, e di un’elaborazione fantasmatica che favorisce la simbolizzazione, in immagine o in parola, di una visione che racchiude (e nasconde) i ricordi più cari, che contiene i desideri più segreti, il luogo della separatezza e dell’inconscio. Ma la stanza, grembo e prigione dell’anima femminile, si amplia a comprendere la “realtà”nella sua inquietante molteplicità e attraverso la porta unisce il qui e l’altrove.

Le opere esposte sono state realizzate da tre artiste: Maria Enrica Ciceri, Teresa Santinelli e Viviana Graziani. Si tratta di circa 25 lavori con una sequenza finale di 20 piccole tele, pensate e realizzate dopo una ricerca espressiva di quasi due anni esclusivamente per questo spazio, sono la trasposizione su tela dei “fantasmi” che ognuno di noi porta con sé come esito di un vissuto esistenziale e onirico. Delle proprie opere, le artiste dichiarano:

“Nell’interpretazione di “Stanze Segrete”, la prima suggestione è stata la paura seguita poi da un’ondata inarrestabile di ricordi, ricordi lontani, ma preziosi come scrigni di tesori nascosti che solo io posso aprire, momenti da cui impossibile separarsi, una giostra di emozioni, come le vecchie fotografie ormai ingiallite dal tempo che mi ricordano le storie narrate dai nonni seduti sulla sedia preferita, così vecchia ma così cara……e poi i giochi, i teatrini e le marionette che amavo tanto . Pian piano il ricordo si accende, così forte, così vivo come se il tempo l’avesse imprigionato lì nella mente, nel cuore, per sempre. E anche se il rimpianto mi assale, perché so che quei momenti non torneranno più, penso che non esista separazione definitiva finché ci sarà il ricordo di cose e persone” ( Maria Enrica Ciceri).

“ La porta si apre su un mistero. E’ la soglia che permette di entrare e di uscire, dunque è il passaggio possibile, oltre che unico”( Teresa Santinelli)

“Ognuno ha la propria stanza segreta e lì anche gli occhi più amorevoli non possono entrare”(Viviana Graziani)

 la mostra è visitabile al pubblico dal martedì al venerdì dalle 15.30 alle 18.30 e il sabato e la domenica dalle 10,00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 18,30 presso Villa Gianetti a  Saronno in via Roma 20. per informazioni chiamare il 3474533449 oppure collegarsi con www.comune.saronno.va.it o con www.associazioneflangini.eu

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here