Sicurezza, chiesti 5 milioni in Regione per la videosorveglianza

0
564

Cinque milioni di euro per la videosorveglianza nei Comuni dell’hinterland milanese e non solo: l’hanno chiesta la Lega Nord e Fratelli d’Italia in un emendamento all’assestamento di bilancio in Regione che verrà discusso in questi giorni. E ad essi ha fatto eco Roberto Di Stefano vicepresidente del consiglio comunale di Sesto San Giovanni che sottolinea l’importanza di questo strumento.«Abbiamo chiesto negli anni alla sinistra maggiori risorse sulla sicurezza e la risposta del Sindaco è stata l’eliminazione del turno notturno della Polizia Locale, il mancato aumento del suo organico e la bocciatura della proposta di installare telecamere per la videosorveglianza – ha detto il politico sestese – infatti, in seguito delle numerose segnalazioni che ho inviato ai consiglieri regionali di centrodestra e stato presentato questo emendamento: la sicurezza è una priorità, per questo sarà importante che Sesto San Giovanni attinga dal fondo stanziato per rispondere alle esigenze di sicurezza implementando un sistema di videosorveglianza dei luoghi a rischio o già bersaglio della criminalità».

«La sicurezza è una delle nostre priorità, per questo abbiamo proposto un fondo per rispondere alle esigenze di quei comuni in cui c’è bisogno di un impianto di videosorveglianza in luoghi a rischio o già bersaglio della criminalità. Le telecamere serviranno per prevenire e per reprimere, saranno un deterrente ma anche un mezzo per aiutare gli agenti nelle loro indagini»,  ha dichiarato Riccardo De Corato, capogruppo di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale in Regione. Il capogruppo del Carroccio al Pirellone, Massimiliano Romeo gli ha fatto eco: «Vogliamo insistere sul tasto del diritto alla sicurezza per i cittadini lombardi, troppo spesso abbandonati dalle competenti istituzioni statali,  oggi più attente alle esigenze degli immigrati clandestini che a quelle dei contribuenti. La videosorveglianza rappresenta un aiuto fondamentale sia per la polizia locale che per le forze dell’ordine nel contrasto ai fenomeni di illegalità e di criminalità, purtroppo sempre più diffusi soprattutto nei grossi centri urbani. Anche in questo caso la Regione Lombardia sopperisce, con risorse proprie, alle mancanze dello Stato, mettendo a disposizione degli Enti Locali un aiuto finanziario e concreto per tutelare la sicurezza dei propri residenti».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here