Sesto, Ute procede in tutta sicurezza

0
281

Sta finendo il primo trimestre di questo anno accademico dell’Università della Terza Età di Sesto San Giovanni, organizzata dai due Lions cittadini, e che si è svolto in condizioni difficili, eppure con ottimi risultati.Sono stati 21 i corsi che si sono svolti in videoconferenza e vi hanno preso parte una media di 400 allievi utenti alla settimana. Per l’Ute uno sforzo straordinario iniziato già quando ad ottobre era stato necessario adottare una serie di misure molto restrittive per permettere le lezioni in presenza. In estate erano stati adeguati i locali della sede di via Risorgimento, con la segnaletica verticale ed orizzontale, i misuratori di temperatura, il controllo delle mascherine, i distributori di gel disinfettanti, il conteggio e la verifica tramite badge degli ingressi in ciascuna aula. In questa fase era stato siglato un accordo con l’Associazione dei Carabinieri che aiutava nel controllo. Inoltre era stato necessario ridurre seriamente il numero degli iscritti per rispettare il distanziamento, anche con conseguenze pesanti per il bilancio dell’Ute, che pure può vantare il fatto che i dirigenti e i docenti sono tutti assolutamente volontari. Ma dopo solo qualche lezione la situazione del Covid era peggiorata e le lezioni in presenza vietate. A quel punto la Direzione ha deciso con un atto di coraggio di non interrompere i corsi, ma di continuare in videoconferenza. «È stato un lavoro difficile e purtroppo non tutti i nostri allievi hanno a disposizione un computer. Ma la stragrande maggioranza ha imparato a collegarsi con i docenti che, o dalla sede dell’Ute o dalla loro casa, hanno continuato a svolgere le loro lezioni – ha detto il presidente Nino berti – Crediamo si tratti di una scelta che ribadisce il carattere della nostra Università che in questi decenni si è caratterizzata per essere una delle istituzioni culturali e sociali più attive e popolari in città. L’apprezzamento che ci è venuto da molti degli allievi è per noi motivo di orgoglio e incoraggiamento ad andare avanti.Nei prossimi giorni finirà il primo trimestre e subito dopo inizierà il secondo e poi ancora il terzo, tutti articolati su 10 lezioni per materia di insegnamento». La scelta della Direzione, visto il successodi queste settimane, è di valutare le decisioni del Governo e della Regione per decidere se riprendere le lezioni in presenza, mantenendo comunque la possibilità, per chi lo desidererà, di collegarsi in videoconferenza

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here