Sesto, polemica per la chiusura dello sportello stranieri

0
671

Chiusura dello sportello stranieri comunale ed è polemica. A scagliarsi contro la decisione dell’amministrazione comunale e in particolare dell’assessore Alessandra Magro sono stati i sindacati Cigl e Cisl. «Questo atto rappresenta «la volontà politica di costringere i cittadini stranieri nell’illegalità pur avendo i requisiti di ottenere il permesso di soggiorno» – si legge in una nota del sindacato Cigl – I processi di regolarizzazione non solo sono un diritto ma permettono di far uscire dall’illegalità quelle persone che cercano di costruire il proprio futuro nel nostro paese. La Cgil proseguirà nel mantenere i propri servizi per stranieri sul territorio»
Convinta della sua decisione l’assessore Magro che ha scritto: «Una polemica infondata e assolutamente strumentale. La sospensione del servizio è stata decisa semplicemente perché l’ufficio anagrafe deve far fronte a un nuovo carico di lavoro arrivato con le nuove carte d’identità elettroniche. Abbiamo fatto un’analisi dei servizi meno utilizzati dai cittadini e questo, che non è nemmeno obbligatorio, è risultato quello che poteva essere sospeso per recuperare risorse umane da dedicare ad alti servizi. Non ci sono assolutamente motivazioni politiche dietro questa scelta ma l’esigenza di riorganizzare l’anagrafe». I servizi di consulenza di consulenza per stranieri rimarranno aperti nei diversi Caf cittadini.Anche i rappresentanti della Cisl hanno fatto sapere che «È stata una scelta miope e ideologica. Troviamo sbagliato che l’amministrazione comunale non si prenda direttamente cura di una parte significativa dei suoi cittadini, scaricando il compito sulle associazioni e le organizzazioni che danno assistenza sul territorio. Chiediamo un incontro al sindaco e lo invitiamo a tornare sulle sue decisioni».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here