Sesto piange Barbara Fettolini, la mamma uccisa in autostrada

0
240

Era scesa dall’auto perché era stata tamponata e stava posizionando il triangolo di emergenza ed è stata travolta e uccisa da un’altra auto. Così ha perso la vita, martedì sera sulla A8 nei pressi di Rho, Barbara Fettolini, 38 anni, ricercatrice universitaria residente a Sesto San Giovanni. In auto con lei le due bambine di 6 anni e 6 mesi ora in stato di shock. La donna molto conosciuta e amata in città voleva proprio proteggerle dall’urto. A travolgerla è stata una Volkswagen Passat che l’ha investita. Travolta anche una 37enne di Monza che era alla guida della Peugeot che aveva precedentemente tamponato la Renault Clio di Barbara Fettolini e che era scesa anche lei dall’auto a prestare soccorso, dopo aver accostato nella piazzola di emergenza.

Investito anche un altro automobilista, un 32enne alla guida di una BMW che si era fermato nella corsia di emergenza per esortare le donne a spostarsi dal punto pericoloso in cui stavano sostando. Le due bambine sono state portate all’ospedale Sacco per controlli mentre è in prognosi riservata la la conducente della Peugeot, C.C. 37 anni, di Monza, cui è stata amputata una gamba in seguito alle ferite riportate.

Stando ai rilievi della Polizia Stradale di Busto Arsizio, la Clio urtata dalla Peugeot ha fatto un testacoda, la sua corsa si è fermata sulla corsia di sorpasso, a testa in giù. Pochi istanti dopo è sopraggiunta una terza auto, una Bmw guidata da un uomo di 32 anni, che davanti alla scena ha deciso di non tirare dritto, ma anzi ha accostato nella corsia di emergenza e, senza scendere dalla sua macchina, ha urlato: «È pericoloso, salite subito in auto». Ma non c’è stato tempo di spostarsi, in un attimo una Passat guidata da un 54enne ha colpito in pieno le due donne, la Clio della Fettolini e poi la Bmw del 32enne. In questi momenti la Polizia sta cercando di verificare se l’uomo alla guida della Passat stesse utilizzando il telefonino. È comunque risultato negativo all’alcol test.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here