Sesto, per interrare l’elettrodotto il conto è di 4,5 milioni

0
229

SESTO SAN GIOVANNI – Anno nuovo, questioni “vecchie”. Eppure il 2014 si apre con una “buona” notizia: con tre mesi rispetto alla scaletta di marcia, Terna Rete Italia ha presentato al Comune di Sesto San Giovanni il progetto per l’interramento di parte delle 3 linee elettriche a 220 kV che passano nell’area di via Sottocorno.

Il progetto di interramento che è stato presentato riguarda 1300 metri di tratta e prevede una spesa di circa 4,5 milioni di euro. In una logica di massima collaborazione Terna, a proprie spese, ha presentato anche un progetto alternativo che prevede l’interramento di un minor tratto di elettrodotti (600 metri) con l’obiettivo di contenere i costi dell’intervento, a beneficio del Comune. Ad entrambi i progetti si potranno sommare eventuali costi di bonifica nel caso in cui i terreni interessati si rivelassero contaminati, tenendo conto che per decenni è stata un’area ad alta densità industriale. Il progetto, che riguarda una variante alla Rete di Trasmissione Nazionale, dovrà essere preventivamente autorizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico e si prevede possa essere realizzato in un massimo di 18 mesi.

Ma la precisazione di Terna è chiara e lapidaria: poiché l’interramento delle linee in questione non è necessario né per motivi di salute (dal momento che la linea attualmente già rispetta non solo i limiti di attenzione ma anche gli obiettivi di qualità per quanto riguarda la normativa italiana sui campi elettromagnetici, che è la più restrittiva e severa in Europa), né per motivi di sicurezza e qualità per il servizio elettrico, il costo dell’operazione sarà a carico del richiedente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here