Sesto nel cuore, solidale con Caponi e Tittaferrante

0
1189
La lista civica Sesto nel Cuore, il suo direttivo, Il Presidente dell’associazione, nonché i tre consiglieri comunali Sergio Valsecchi, Mario Molteni, il vicepresidente del Consiglio Marco Lanzoni e Angela Tittaferrante, viste le numerose dichiarazioni apparse sulla stampa locale e nazionale, ritengono opportuno precisare quanto segue: Condividiamo quanto comunicato nei scorsi giorni da Gianpaolo Caponi e Angela Tittaferrante e le motivazioni delle loro dimissioni. La Lista Civica Sesto nel Cuore rinuncia a qualsiasi delega assessoriale nel
governo della città e nessuno può e potrà arrogarsi il diritto e l’onore di rappresent
arla. Questa scelta condivisa resta fedele e rispettoìsa del mandato elettorale e riporterà al centro del dibattito e delle scelte future la forza delle nostre energie e la libertà delle nostre idee. Sesto nel Cuore ha rispetto della maggioranza di cui fa parte, ma, sempre nell’interesse della città, valuteremo di volta in volta le singole delibere e sosterremo solo tutto ciò che collimerà con il rilancio di Sesto San Giovanni, con i nostri valori, e i programmi a suo tempo condivisi. Le dichiarazioni del consigliere Gianmario Vincelli sono a titolo personale e non rispecchiano in nessun modo e posizioni politiche del gruppo di Snc. L’unico titolato a rilasciare dichiarazioni a nostro nome, per le decisioni prese e condivise nel direttivo, è il Capogruppo in Consiglio Comunale Sergio Valsecchi.
Bilancio comunale. La lista civica Sesto Nel Cuore non ha avuto tutta la dovuta documentazione per poter esprimere, oggi, un parere di merito sul contenuto della conferenza stampa di Giovedì del Sindaco in cui ha annunciato una grave situazione di “buco di bilancio” e errori commessi dalla Giunta precedente, come egli sostiene, di cui gli organi competenti accerteranno eventuali responsabilità. Chiederemo un approfondimento; tuttavia per quanto ad oggi è a nostra conoscenza la situazione finanziaria è sì estremamente delicata, ma ciò non deve divenire un alibi per il futuro, avvalendosi di metodi e scelte nuovamente verticistiche che impoveriscano la qualità dei servizi comunali e aumentino le tasse dirette o indiretteai cittadini.
Sulle politiche educative e i nidi,
auspichiamo una maggiore condivisione delle scelte future con la cittadinanza e le sue rappresentanze, Sesto nel Cuore ribadisce la sua contrarietà all’esternalizzazione del servizio nidi e auspica si vada nella direzione dell’aumento dell’offerta pubblica di posti con la riduzione della conseguente lista attesa. Si esprime fin d’ora contrarietà per tutte quelle decisioni che penalizzino le famiglie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here