Sesto, nel 2016 più controlli nei quartieri dalla Polizia Locale

0
683

Maggiore presenza degli agenti e maggiori controlli sul territorio, più servizi di pronto intervento e nei quartieri, aumento delle persone identificate e dei controlli commerciali.
Il bilancio dell’attività operativa 2016 della Polizia Locale di sesto – con security point e il pattugliamento a piedi dei quartieri – ha il segno positivo.
I servizi di controllo del territorio effettuati nei quartieri sono aumentati del 25%, passando dai 1721 del 2015 ai 2148 del 2016. In aumento anche i servizi di pronto intervento (+14,7%) e le persone identificate e controllate (+21,9%). Positivo anche il dato de servizi coordinati con le altre forze dell’ordine (+3,8%) e i controlli a seguito di esposti e segnalazioni dei cittadini (+8,7%). “Il metodo dei security point, secondo il quale gli agenti posteggiano il veicolo di servizio e poi effettuano un controllo a piedi della zona circostante – ha ricordato il Comandante Pietro Curcio – risulta essere efficace, permettendo di raccogliere un maggior numero di segnalazioni e aumentando gli interventi in città. Le risorse sono utilizzate in maniera più efficiente, consentendo di aumentare il numero di servizi di pronto intervento e i controlli su commercio e in materie ambientali, per salvaguardare la salute dei cittadini e la libertà di impresa dei commercianti onesti”. Buone notizie anche dal fronte della sicurezza stradale: aumentate del 4,6% le violazioni accertate e i controlli dei veicoli inquinanti (+23,9%). Sono in lieve aumento gli incidenti stradali (+8,3%) ma, così come nel 2015, senza alcun mortale. “Ringrazio di cuore tutti gli agenti e gli ufficiali del Comando – ha concluso il Sindaco – che con estrema professionalità, competenza e passione svolgono ogni giorno un lavoro complesso a favore di tutti i cittadini di Sesto San Giovanni. Un ringraziamento anche alle altre Forze dell’Ordine cittadine che, collaborando quotidianamente con il Comando, consentono una maggiore efficacia nel controllo del territorio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here