Sesto, l’Aned bacchetta il sindaco per l’arresto del vandalo dei “cristalli”

0
198
Polemica tra gli ex deportati e il sindaco di Sesto Roberto Di Stefano. Il primo cittadino, in occasione dell’arresto di un vandalo che aveva distrutto parecchie auto parcheggiate per rubare e infrangendo i vetri, aveva usato sui social e nei comunicati stampa la frase “Notte dei cristalli” riprendendo l’immagine da sempre usata per ricordare la terribile notte in cui i negozi degli ebrei di Vienna furono distrutti dai nazisti. Così gli ex deportati gli hanno scritto una lettera aperta: «In concomitanza con il giorno in cui Liliana Segre rilascia la sua ultima testimonianza della terribile esperienza passata nei lager nazisti, lei Sindaco Di Stefano decide di inviare un segnale all’opinione pubblica caratterizzandolo di una povertà storica e culturale impressionante per un uomo delle istituzioni. Parla dell’ arresto di un delinquente che vandalizza le macchine come La notte dei Cristalli.
È difficile trovare le parole per giudicare questa sua uscita. Ed è anche imbarazzante.
Dovrebbe chiedere scusa ai cittadini per quel titolo utilizzato come uno slogan ma dietro al quale si cela la più grande tragedia dell’umanità, quella della deportazione e della Shoah. Dovrebbe sapere, signor sindaco, che la Notte dei Cristalli porta con sé un’enorme sofferenza e che su questi temi non si può scherzare o provocare assolutamente.
L’Aned attenderebbe da lei un minimo gesto di riparazione. Non per la nostra sezione ma per l’umanità intera. Un’istituzione deve essere sempre un esempio per tutti i suoi cittadini.
Per il Direttivo dell’Aned
Il Presidente Giuseppe Valota».

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here