Sesto, la Chittò contro le nuove consulte

0
122

Peroposta dalla Giunta l’ approvazione del Consiglio Comunale un nuovo Regolamento delle consulte. Per l’opposizione esso ridurrebbe la partecipazione da parte dei cittadini e delle associazioni di volontariato. «I Sestesi, dal dopoguerra ad oggi, con apprezzabile continuità e sviluppo, hanno dimostrato la loro sensibilità nei riguardi delle problematiche dei cittadini meno fortunati e del bene pubblico con interventi di volontariato individuale ed associato – ha spiegato la lista Sesto al primo posto – Sono le consulte, i comitati consultivi e di gestione dei diversi ambiti tematici, le associazioni elette direttamente dai cittadini, espressione di competenze e sensibilità sociali, che hanno dato un grande contributo alla Città. Il nuovo che avanza, rappresentato dal Sindaco Di Stefano e dalla sua Giunta, nata dall’alleanza di partiti e movimenti di centro-destra e da un movimento civico che si fregia dei valori dell’associazionismo, sta facendo strame di tutta questa preziosa realtà».Con la proposta di delibera si trasforma  il Comitato Pari Opportunità, si le associazioni vengono sostituite da consulte di nomina del Sindaco e dei suoi delegati per oltre i due terzi, «Per paura del contraddittorio, l’Amministrazione Di Stefano svuota ogni forma di partecipazione e in tutto ciò appare ancora più sorprendente l’appoggio o il silenzio delle liste che sostenevano Gianpaolo Caponi e che si dicevano espressione e sostenitori del volontariato e dell’associazionism – ha ocontinuato l’opposzione – Noi, come Lista Civica e come Associazione “Sesto al Primo Posto”, non siamo contrari ai cambiamenti se costruttivi, ma ci opponiamo con forza a questa politica strumentale e fintamente partecipativa e saremo al fianco delle associazioni nella difesa del protagonismo dei cittadini nelle decisioni che li riguardano».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here