Sesto, dal Comune un aiuto ai pensionati in difficoltà

0
111
La giunta comunale ha approvato un’importante delibera che prevede lo stanziamento di 60.000 euro a favore dei nuclei famigliari, il cui reddito proviene esclusivamente da pensione, in grave disagio economico o in condizioni di particolare vulnerabilità. Questa importante cifra fa parte del fondo di 600.000 euro stanziato da Regione Lombardia come contributo alle famiglie che vivono in appartamenti privati e sono in difficoltà nel pagamento degli affitti a seguito delle criticità economiche emerse a causa dell’emergenza coronavirus.
“Grazie a questo importante finanziamento – commenta il sindaco Roberto Di Stefano – diamo una risposta rapida e concreta alle difficoltà di diverse famiglie che vivono di pensione e che stanno attraversando un periodo di crisi. Ancora una volta confermiamo la nostra attenzione verso le fasce più fragili della popolazione. Ringrazio ancora Regione Lombardia per l’importante misura messa a punto che ci permette di aiutare tantissime famiglie”.
“Siamo felici e soddisfatti di stanziare queste risorse a favore dei pensionati, che rappresentano una parte importante della città – commenta l’assessore alla Casa, Claudio D’Amico -. I nostri uffici, in questi mesi, hanno ricevuto diverse richieste da parte di nuclei famigliari il cui reddito proviene esclusivamente da pensione, e con l’approvazione di questo bando andiamo a offrire un contributo molto significativo”.
Finora, grazie al fondo regionale, sono state destinate risorse per il sostegno agli affitti a 286 nuclei famigliari e altre 193 domande sono in fase di verifica da parte degli uffici.
Tra i requisiti richiesti ai nuclei il cui reddito proviene esclusivamente da pensione per ottenere il contributo all’affitto: essere in regola coi pagamenti dei canoni di locazione; avere un Isee non superiore a 15.000 euro; la spesa per il canone di locazione, dal quale sono escluse spese accessorie, sia superiore al 20% del reddito complessivo netto del nucleo famigliare.
Il contributo economico verrà erogato al proprietario dell’alloggio a scomputo dei canoni di locazione futuri a decorrere dalla prima mensilità utile, a fronte dell’impegno del proprietario a non aumentare il canone per 12 mesi o a rinnovare il contratto, se in scadenza, alle stesse condizioni. Il contributo riconoscibile è pari a euro 1.500 euro ad alloggio/contratto.

In considerazione della platea dei possibili beneficiari dei 60.000 euro, principalmente anziani, l’amministrazione comunale ha deciso di venire incontro ai cittadini prevedendo la compilazione delle domande solo su moduli cartacei.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here