Sesto, crisi Alstom interviene la Regione con una mozione urgente

0
321

No ai licenziamenti alla Alstom Power di Sesto San Giovanni. A pronunciarsi contro i 99 esuberi annunciati dal gruppo industriale francese è il Consiglio regionale che nella seduta dello scorso 27 settembre che ha approvato all’unanimità una mozione presentata dal PD (Primo firmatario il capogruppo Enrico Brambilla). Nel documento si sottolinea la necessità “di attivarsi in tutte le sedi opportune per cercare di rimarginare la frattura con l’azienda al fine di salvaguardare la produzione e l’occupazione presso lo stabilimento di Sesto San Giovanni, facendo leva oltre sulla responsabilità sociale, anche sulla vicinanza dimostrata nel corso degli anni e testimoniata, per fare un esempio, dalla concessione del contributo a fondo perduto di 1.411.000 € alla Nuovo Pignone srl. – società acquisita dalla GE nel 1993”. Sulla questione da tempo era aperto al Ministero un tavolo di trattativa che proprio ieri è saltato e nel corso del quale l’azienda si è detta indisponibile a trovare soluzioni alternative ai licenziamenti annunciati. In Aula l’assessore al Lavoro e alla Formazione Valentina Aprea ha annunciato che “Regione Lombardia continuerà a spingere per trovare una soluzione alternativa agli esuberi e per l’individuazione di nuovi eventuali investitori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here