Sesto, Comune e fiamme gialle a caccia di evasori

0
289

SESTO SAN GIOVANNI – Caccia agli evasori e ai furbetti… Comune di Sesto  e Gruppo di Sesto San Giovanni della Guardia di Finanza hanno definito gli ambiti di intervento a seguito del Protocollo di collaborazione del 12 febbraio scorso firmato dal Sindaco Monica Chittò e dal Tenente colonnello Omar Salvini.

Il protocollo – siglato con l’obiettivo di attivare canali di informazione e controllo più efficaci e diretti, volti al contrasto dell’evasione fiscale e dell’illegalità – demandava ad una successiva individuazione degli ambiti di intervento prioritari per il 2014.

 In particolare, l’attività si concentrerà sulla prosecuzione degli invii da parte del Comune alla Guardia di Finanza di segnalazioni qualificate in materia di commercio e professioni, urbanistica e territorio, proprietà edilizie e patrimonio immobiliare, residenze fittizie all’estero e disponibilità di beni indicanti capacità contributiva.

 Un secondo ambito di intervento riguarderà l’apertura e la conduzione di sale giochi e sale per scommesse attraverso l’analisi della posizione fiscale e patrimoniale dei titolari, la verifica dell’eventuale godimento di sgravi o benefici e il monitoraggio dei subentri. Terza area di analisi sarà quella relativa agli appalti pubblici, con particolare attenzione ai partecipanti alle procedure di gara.

Un quarto, e più corposo, punto sarà quello relativo al controllo delle dichiarazioni ISEE presentate al Comune per ottenere sgravi o benefici in qualsiasi ambito. Qui l’Amministrazione comunale si impegna ad analizzare a campione 500 dichiarazioni (il 10% di quelle presentate annualmente) e, nel caso in cui l’incrocio delle banche dati dovesse evidenziare delle anomalie, l’invio alla Guardia di Finanza della segnalazione conseguente.

“Con l’individuazione puntuale degli ambiti di intervento e di controllo – ha dichiarato l’Assessore al Bilancio Virginia Montrasio – diamo corpo all’intesa con la Guardia di Finanza e concretezza al principio di equità. Chi evade il fisco, infatti, danneggia tutti noi e chi ha veramente bisogno; questo non è tollerabile, tanto meno in tempi in cui le risorse pubbliche sono sempre più scarse”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here