Sesto: atti vandalici a raffica e presidio dei cittadini

0
319

Vandalismi a raffica nelle scorsi notti in città a Sesto San Giovanni. In particolare, domenica notte un extracomunitario egiziano, completamente ubriaco ed armato di catena, ha spaccato i vetri di una cinquantina di macchine e le vetrine di due negozi e delle cabine telefoniche partendo dalla stazione di piazza Primo Maggio fino a piazza Trento e Trieste, seminando paura e distruggendo tutto quello che trovava davanti a se in ben due quartieri. Solo grazie alla segnalazione dei residenti e la professionalità dei militari dell’Arma e della Polizia di Stato è arrestato. Un agente è stato persino ferito dal pazzo con la catena e la vettura della Polizia è stata danneggiata. Per fortuna l’agente sta meglio. L’egiziano è stato poi processato per direttissima ma non si conosce ancora la sentenza. Dure le critiche dei cittadini contro l’amministrazione, in particolare su Facebook e del vicepresidente del Consiglio comunale Roberto Di Stefano di Forza Italia che ha organizzato un presidio questa sera, lunedì 27 giugno, per protestare e chiedere più sicurezza.  «Nulla di sorprendente per chi non ha la vista oscurata dai paraocchi dell’ideologia – ha tuonato Di Stefano – due quartieri che da tempo convivono con situazioni di criminalità e per i quali da anni chiedo che vengano installate telecamere per la videosorveglianza, sia istituito un presidio fisso delle Forze dell’ordine o almeno aumentati i passaggi delle pattuglie, visto che è diventata una zona di bivacco notturno per extracomunitari e luogo d’appostamento preferito per malintenzionati d’ogni genere. Appelli caduti nel vuoto, come tutti quelli riguardanti la sicurezza che ho rivolto al Sindaco Chittò, che probabilmente aspetta la campagna elettorale per prendere i soliti provvedimenti di facciata». Appuntamento questa setra alle 20 in piazza Trento e Trieste.  (nella foto il ringraziamento dei cittadini)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here