Sem Vimercate: game over

0
265

VIMERCATE – Pochi giorni fa, il Tribunale di Monza ha  decretato il fallimento della Sem (ex Celestica) di Vimercate nominando il Giudice responsabile e i due curatori responsabili del fallimento stesso. Sentenza prevista e prevedibile ma che apre ufficialmente nuovi scenari. Basti pensare che un paio di giorni prima del “verdetto”, i vertici aziendali avevano aperto la procedura di mobilità per 76 dipendenti su 95.

“Non c’è soddisfazione su quanto sta avvenendo, anche se avevamo presentato istanza di fallimento al fine di estromettere Bartolini dalla gestione delle aziende e responsabile di questa drammatica situazione. Nei prossimi giorni incontreremo i curatori fallimentari di SEM per fare il punto con loro e capire come affrontare e gestire tutte le problematiche che ricadono sui lavoratori dopo il decreto di fallimento e definire quale ammortizzatore sociale utilizzare” dice Gianluigi Redaelli, segretario generale aggiunto Fim Cisl Monza Brianza Lecco.

Il prossimo passo è l’incontro del tavolo Istituzione convocato per venerdì 13 dicembre nella sede della Provincia di Monza e Brianza in via Tommaso Grossi a Monza. Ma cosa può fare a questo punto la politica? L’unica possibilità per salvaguardare i posti di lavoro è quello di riuscire, in tempi stretti, a rilanciare l’area dove sorge l’impresa.

La re-industrializzazione del sito per noi rimane un obbiettivo fondamentale, in tal senso va ripreso al più presto un lavoro serio che crei le condizioni per un futuro sviluppo industriale dell’area di Vimercate e che i soggetti responsabili della ripresa delle attività produttive si muovano poi con estrema rapidità per evitare che l’area si “desertifichi”. Non c’è più tempo, bisogna passare dalle parole ai fatti per dare risposte occupazionali ai lavoratori che di fatto sono senza lavoro” conclude Redaelli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here