Sardone esclusa da Fontana, Toti la difende

0
173

“Se prendere oltre 11 mila preferenze, come Silvia Sardone, se essere la donna più votata in Lombardia e arrivare secondi nella lista, se espugnare la roccaforte rossa di Sesto San Giovanni non basta per meritarsi un posto nella giunta regionale, difficile dire cosa siano il merito, la militanza, l’impegno e la partecipazione in Forza Italia.
Ma chi è nel nostro partito che odia tanto gli elettori? Ciò detto, in bocca al lupo all’amico Fontana Presidente: sono certo che farà il bene della Lombardia”. Queste parole sono state espresse da Giovanni Toti presidente della Liguria e braccio destro di Berlusconi. Parole dure e chiare di critica nei confronti del suo partito in difesa di Silvia Sardone moglie del sindaco di Sesto San Giovanni e consigliera più eletta della Regione Lombardia con 11.300 preferenze . Era stata proprio lei all’indomani della formazione della nuova Giunta Che l’ha esclusa da ogni incarico  ad esprimere delusione verso un partito che ormai considera lontano dalla meritocrazia. “Vado avanti a testa alta perché ci credo e per i miei elettori” ha chiosato la Sardone. Intanto si vocifera che per “scusarsi” Fontana potrebbe affidarle l’incarico di Presidente del Consiglio regionale. Una Boca per ora non ufficiale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here