Sant’Ambrogio in casa: parlano l’arte e la musica dalla Scala

0
575

Un secolo di musica e di cultura italiana ed europea dal divano di casa propria: questa sarà la Prima della Scala di Milano questa sera, 7 dicembre 2020. Un evento eccezionale non solo perché nessuno avrà l’onore di viverlo direttamente in teatro a causa della pandemia, ma perché non sarà solo un’opera ad essere rappresentata ma un “medley” di danza, musica, opera, canto e arte. E – diciamolo – questo a tanti amanti dell’arte e della cultura in generale sarà più gradito di tre ore di una sola unica opera intera. Sarò troppo “popolana e popolare”, ma io sono felicissima di questa prima senza la sfilata di “vip” o presunti tali in pelliccia e griffati dalla testa ai piedi. Saremo in milioni a poter ricevere questo regalo stasera e mi piacerebbe che nessuno se lo perdesse! Dico di più: spero sia il primo di una lunga serie che la Scala potrà donarci.

Veniamo ora ai contenuti. Riccardo Chailly alla guida di Orchestra e Coro del Teatro alla Scala sarà l’anima musicale di un racconto sull’opera e sulla danza la cui drammaturgia è stata pensata e trasformata in spettacolo da Davide Livermore e dai suoi collaboratori. Un racconto che nella sera di teatro musicale più famosa del mondo vuole celebrare il ruolo centrale che l’Opera e la Danza hanno avuto non solo per la cultura ma anche per la crescita civile del nostro Paese segnandone in modo decisivo l’identità. La serata raccoglie 25 tra i maggiori cantanti del mondo che hanno voluto partecipare a questa serata senza precedenti, ma anche i ballerini scaligeri protagonisti in tre momenti tra i quali una creazione del neodirettore Manuel Legris. Ecco il programma da non perdere su Rai Uno dalle 17 alle 20:  F. Cilea – “Io son l’umile ancella” da Adriana Lecouvreur – Registrazione, Inno di Mameli, Preludio da Rigoletto di Verdi, “Cortigiani vil razza dannata” da Rigoletto – Luca Salsi , “La donna è mobile” da Rigoletto con Vittorio Grigolo (2’)  e ancora  “Ella giammai m’amò” da Don Carlo – Ildar Abdrazakov. Ancora Verdi “Per me giunto” da Don Carlo – Ludovic Tézier  “O don fatale” da Don Carlo – Elīna Garanča (4’30”) G. Donizetti – “Regnava nel silenzio” da Lucia di Lammermoor – Lisette Oropesa ,  G. Puccini – “Tu, tu piccolo Iddio” da Madama Butterfly – Kristine Opolais ,  R. Wagner – “Winterstürme” da Walküre – Camilla Nylund, Andreas Schager, G. Donizetti – “So anch’io la virtù magica” da Don Pasquale – Rosa Feola , G. Donizetti – “Una furtiva lacrima” da Elisir d’amore – Juan Diego Flórez (5’) (Ballo) Lo Schiaccianoci – Adagio dal Grand pas de deux, Atto II con Nicoletta Manni e Timofej Adrijashenko, G. Puccini – “Signore ascolta” da Turandot – Aleksandra Kurzak (2’30”) G. Bizet – Preludio da Carmen (2’30”). G. Bizet – “Habanera” da Carmen – Marianne Crebassa, G. Bizet – “La fleur que tu m’avais jetée” da Carmen – Piotr Beczala (4’)G. Verdi – “Morrò, ma prima in grazia” da Un ballo in maschera – Eleonora Buratto, G. Verdi – “Eri tu” da Un ballo in maschera – Geroge Petean (4’30”)   G. Verdi – “Ma se m’è forza perderti” da Un ballo in maschera – Francesco Meli (5’30”)  J. Massenet – “Pourquoi me réveiller” da Werther – Benjamin Bernheim e poi la modernità:Waves” – Ballo con Roberto Bolle (7’)  (Ballo) “Verdi Suite” – Estratti dai ballabili da I Vespri siciliani, Jérusalem, Il trovatore Coreografia Manuel Legris con Martina Arduino, Virna Toppi, Claudio Coviello, Marco Agostino, Nicola Del Freo , G. Verdi – “Credo” da Otello – Carlos Álvarez (5’) U. Giordano – “Nemico della patria” da Andrea Chénier – Plácido Domingo, U. Giordano – “La mamma morta” da Andrea Chénier – Sonya Yoncheva , G. Puccini – “E lucevan le stelle” da Tosca – Roberto Alagna (3’30”) G. Puccini – “Nessun dorma” da Turandot – Jonas Kaufmann ancora G. Puccini – “Un bel dì vedremo” da Madama Butterfly – Marina Rebeka, G. Rossini – “Tutto cangia”, finale da Guglielmo Tell (3’30”) – Eleonora Buratto, Rosa Feola, Marianne Crebassa, Juan Diego Flórez, Luca Salsi, Mirko Palazzi. Insomma uno spettacolo da non perdere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here