Rubini a Monza per due ore di divertimento alla “Allen”

0
262

Uno spettacolo confidenziale come lui stesso lo definisce, leggero e divertente, che tuttavia aiuta a pensare al post pandemia e alla “ristrutturazione” forse mancata delle nostre vite. Questo è “La Ristrutturazione” il nuovo monologo con musica di Sergio Rubini (che insieme a Carla Cavalluzzi ne è l’autore) che sta facendo il giro d’Italia e che ha appena incantato il pubblico monzese al Manzoni. Nelle due ore filate senza pausa Rubini, ormai maturo attore teatrale, registra, autore e vero e proprio animale da palcoscenico oltre che da pellicola, racconta come il valore della casa abbia trionfato nel primo lockdown e come oggi bisogna ricominciare ad intenderlo per riprendere a vivere anche fuori da essa. Nel monologo, intervallato dalla performance dei Musica Da Ripostiglio (“Chiamarla Musica da Camera sarebbe stato troppo”, hanno detto in una battuta, ndr), Rubini passa dalla lettura del Re Architectura di Vitruvio, all’Amare l’Architettura di Gio’ Ponti, da Kahil Gibran al poeta vernacolare di Grumo Appula, suo paese natale, in versione rap. Fino ad arrivare ai racconti a dir poco esilaranti, ma sempre presentati in modo garbato e aulico alla Woody Allen oserei dire, degli allagamenti della sua prima casa “pozzo” , della seconda con vetrata ma “senza vasca”, fino ai problemi di un pozzetto maleodorante in camera da letto che hanno portato alla crisi coniugale. Il tutto intervallato dalla musica “stile Gaber” del gruppo protagonista proprio di uno spettacolo dedicato al grande maestro del cabaret Milanese. Insomma due ore che vanno avanti senza che ve ne accorgiate tra risate dolci e amare e che vi porteranno ad una conclusione: la casa siamo noi e se noi saremo usciti migliori o peggiori da questa pandemia dipenderà da quanto ci siamo ritrutturati in essa.

La produzione è di Nuovo Teatro, la regia è firmata dall’attore. La musica è eseguita dal vivo da Musica da Ripostiglio con Luca Pirozzi (chitarra e voce), Luca Giacomelli (chitarra e armonica a bocca), Raffaele Toninelli (contrabbasso) ed Emanuele Pellegrini (batteria).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here