Rhodense – Occhio alla truffa: nuovi casi di frode agli anziani

0
219

Nei giorni scorsi tre anziani di Ospiate di Bollate, residenti in via Novara, sono stati vittima delle solite truffe da parte di falsi addetti ai servizi pubblici. Questa volta i malfattori si sono presentati negli appartamenti degli ignari cittadini come tecnici del Consorzio Acqua Potabile, muniti anche di pettorina gialla e metal detector. Si sono fatti aprire la porta con la scusa di voler controllare i collegamenti idrici.

Hanno addirittura rassicurato l’anziano che li ha accolti in casa, premurandosi di fargli raccogliere i soldi in un sacchetto e dicendo: “così noi possiamo fare i controlli per casa e lei è tranquillo”. Poi hanno detto all’anziano di fare delle prove aprendo l’acqua; approfittando del sacchetto dei soldi lasciato incustodito, hanno preso il malloppo e lasciato l’abitazione.

“Chiediamo ancora una volta – dice il sindaco di Bollate Stefania Lorusso – di non permettere a nessuno sconosciuto di accedere nella propria abitazione, neanche a chi si presenta con cartellini o con presunte lettere di autorizzazione. Nel caso, è sempre bene avvisare le forze dell’ordine, per una maggior possibilità di controllo del fenomeno e di conseguente tranquillità di tutti i cittadini a rischio”.

Su questo tema che colpisce soprattutto le fasce più fragili della popolazione, anche Regione Lombardia ha avviato una campagna massiccia sul territorio per divulgare consigli utili a prevenire il fenomeno e numeri utili da chiamare in caso di necessità. Ecco tutti i suggerimenti per non cadere nella trappola della truffa.

  • In banca o in posta fatti accompagnare da qualcuno soprattutto se ritiri la pensione o se devi versare molto denaro.
  • Quando utilizzi il bancomat devi essere prudente: se ti senti osservato non usarlo e se ti senti seguito, entra in un negozio, cerca un agente o una compagnia.
  • Durante la spesa o al mercato non lasciare incustodita la borsa e fai attenzione a chi ti urta o si avvicina senza motivo.
  • Porta sempre con te un telefono cellulare per le emergenze, non tenere il portafogli o denaro contante in tasche esterne della giacca.
  • Non lasciare borse o altri oggetti in vista all’interno dell’automobile.
  • Parla subito di quello che ti è accaduto alle Forze dell’Ordine o alla Polizia Locale. Ti aiuteranno a risolvere il problema.
  • NON APRIRE LA PORTA AGLI SCONOSCIUTI: se qualcuno suona il campanello e dice di doverti consegnare lettere, pacchi, opuscoli CHIEDI DI LASCIARLI SULLO ZERBINO O NELLA CASSETTA DELLA POSTA.
  • SPESSO I TRUFFATORI SI PRESENTANO COME TECNICI (di gas, luce, acqua, caldaie, telefono) addetti alla lettura dei contatori oppure come impiegati o funzionari del Comune, della Posta o della banca.
  • A VOLTE INDOSSANO ANCHE UNA DIVISA O MOSTRANO UN FALSO TESSERINO DI RICONOSCIMENTO. RICORDA: DI SOLITO I TECNICI E I FUNZIONARI DI ENTI E AZIENDE PRIMA DI PRESENTARSI A CASA TUA TI AVVISANO
  • QUANDO SEI PER STRADA NON DAR MAI RETTA A SCONOSCIUTI ANCHE SE ALL’APPARENZA SONO CORDIALI E BEN VESTITI E NON FIRMARE MAI NULLA PER NESSUN MOTIVO.
  • Se qualcuno si avvicina fingendo di conoscerti, facendo riferimento a episodi della tua vita o dei tuoi familiari, allontanati dicendo che un parente ti sta aspettando.
  • Non fidarti di chi si avvicina fingendosi bisognoso e vuole venderti gioielli o pietre preziose: non comprare nulla perché sono falsi!
  • Se qualcuno ti urta facendoti cadere sulla giacca del gelato o del caffè, non farti aiutare a pulire i vestiti perché ti possono rubare il portafogli. Allontanati dicendo che li pulirai a casa.
  • Non firmare documenti per indagini o campagne di solidarietà: ciò che firmi potrebbe essere un contratto di vendita e ti arriverà a casa una richiesta di pagamento!

Numeri utili

Province di Milano, Bergamo, Como, Lecco, Monza, Sondrio, Varese: Numero Unico Emergenza 112

Province di Brescia, Cremona, Lodi, Mantova e Pavia: Carabinieri 112 Polizia di Stato 113

Vigili del fuoco 115 Guardia di Finanza 117 Soccorso sanitario 118

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here