Prolungamento Metro 2, riprese le trattative in Regione

0
342

Un nuovo tavolo istituzionale per il prolungamento delle linee metropolitane M5 e M2 da Milano verso il territorio della Provincia di Monza e Brianza chiesto dalla Lega Nord con una mozione regionale presentata il 27 aprile  si è svolto ieri in Regione Lombardia e sembra aver riaperto le speranze dei residenti a Brugherio e Vimercate. “Regione Lombardia è pronta a fare la sua parte – hanno dichiarato Massimiliano Romeo e Jari Colla – è indispensabile però che anche lo Stato centrale garantisca le risorse necessarie e non si dimentichi di un’area così strategica come il Nord milanese e la Brianza. La Regione  ha già messo in bilancio 75 mila euro per il cofinanziamento dello studio di fattibilità per il prolungamento della M5 da Bignami a Monza.   Ma lo studio di fattibilità non è ancora pronto.  “Per quanto riguarda la M2, ovvero il prolungamento della metro da Cologno Nord a Vimercate,  occorre riprendere un iter interrotto nel 2010, quando la Corte dei Conti bloccò al CIPE l’approvazione del progetto preliminare. L’incontro di oggi  – concludono i consiglieri della Lega Nord –  è stato positivo sia per i contenuti espressi che per l’impegno di tutti a lavorare per garantire le fonti di finanziamento. La prossima convocazione del tavolo istituzionale è prevista per la prima metà del mese di settembre.” In Regione nsieme ai rappresentanti di Agrate, Vimercate e Concorezzo, il Sindaco di Brugherio Marco Troiano ha ribadito la posizione della città che avrebbe una fermata: «La metropolitana fino a Vimercate serve, perchè interessa un territorio molto vasto di città e abitanti, che si devono se no muovere in macchina, serve perchè ci era stata promessa come compensazione di Teem e serve perchè il nostro territorio ha bisogno di questa infrastruttura per svilupparsi. Siamo disposti a ripensare il progetto, alla luce dei nuovi parametri di sostenibilità fissati dalla Regione e dal Governo, siamo disposti a pensare al numero di fermate, al tracciato della linea, ma vogliamo poter lavorare da subito ad un nuovo progetto esecutivo, che possa poi cercare i finanziamenti». La Regione ha ascoltato la richiesta dei Comuni, che ora si rivedranno per lavorare ad una proposta unitaria da portare al tavolo regionale.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here