Profughi all’Uniabita? Di Stefano non ci sta

0
408

Secondo alcune indiscrezioni sembra che oltre al centinaio di migranti ospitati in via Marelli, potrebbero esserne destinati altri a Sesto nella sede Uniabita. Una decisione del Prefetto che Roberto Di Stefano, esponente di Forza Italia a Sesto San Giovanni teme. Secondo il candidato sindaco del centro destra non solo Sesto deve risolvere altri problemi, ma la tanto agognata integrazione sembra non sia reale. «Molti degli “ospiti” passano il loro tempo a bivaccare sparsi per la città, aumentandone degrado e insicurezza – ha spiegato – A trarne giovamento sono state solo le cooperative che se ne occupano, che hanno visto i loro bilanci gonfiarsi grazie ai fondi destinati all’accoglienza. In giunta sembrano preoccuparsi solo di moschee e migranti, ma ai sestesi chi ci pensa? Può la popolazione continuare a subire i disagi dovuti alle scelte in parte ideologiche e in parte opportunistiche di chi amministra la città? Possono gli stessi profughi dover vivere in modo indignitoso a causa della mancata programmazione di  sistemi d’accoglienza e integrazione adeguati? Non penso. Sesto ha bisogno di politiche che sopperiscano alla mancanza di alloggi popolari, sostengano l’occupazione, combattano la criminalità, facciano fronte al degrado e offrano un’opportunità di vita migliore a chi vi “sbarca”».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here