Premio Rosa Camuna, ecco i premiati dalla regione

0
788

Cinque premi Rosa Camuna e dieci menzioni tra le 174 candidature arrivate in regione Lombardia. Con la consegna dei premi, pggi pomeriggio a Palazzo Lombardia, si ccelebra la festa della Regione con il Presidente del Consiglio regionale e il Presidente Attilio Fontana. La Commissione di Giuria, presieduta dal Presidente Fermi, ha convenuto unanimemente di assegnare il Premio Rosa Camuna alla memoria del Cavaliere al merito della Repubblica Italiana e Stella di Bronzo del Coni Arduino Francescucci, mancato nel settembre scorso, presidente della Polisportiva di Fino Mornasco (CO) che ha formato atlete come Erika Fasana e Vanessa Ferrari, fortemente impegnato nel sociale e promotore di numerose donazioni e raccolte fondi in favore dei reparti ospedalieri, in particolare quello di oncologia dell’Ospedale di Como; all’astronauta milanese Paolo Angelo Nespoli, che ha partecipato a numerose missioni spaziali di carattere scientifico italiane ed estere, trascorrendo nello spazio 313 giorni; a Gabriele Micalizzi, fotoreporter milanese di recente ferito gravemente in Siria e già vincitore di numerosi premi giornalistici nazionali e internazionali; a Sofia Goggia, sciatrice bergamasca medaglia d’oro in discesa libera alle ultime Olimpiadi invernali di Pyeongchang nonché vincitrice della Coppa del Mondo di discesa libera, e a Maria Cristina Alberini, scienziata e ricercatrice cremonese autrice di numerosi studi pubblicati sulle più prestigiose riviste scientifiche internazionali, con particolare riferimento alle ricerche e agli studi compiuti sulla memoria e sui pazienti con disturbi cognitivi.Una Menzione Speciale è stata infine attribuita  al “Centro Clinico Nemo – Fondazione Serena Onlus” di Milano che cura ogni anno altre 3500 pazienti affetti da distrofie e patologie neuromuscolari; all’Associazione Federica Albergoni Onlus di Bergamo che promuove la donazione di midollo osseo e realizza iniziative contro la leucemia; alla memoria di Umberto Zanetti, scrittore e compositore bergamasco, direttore dell’Istituto Arti Grafiche di Bergamo e per cinque mandati componente del consiglio di amministrazione dell’Accademia Carrara; a Alessandro Rambaldini, atleta bresciano campione mondiale di lunga distanza nel 2016 e nel 2018; all’Associazione Educazione alla Salute Attiva nella cura del tumore al seno di Brescia; al Gruppo Sportivo Disabili di Limbiate (MB), che compie 30 anni di fondazione e i cui atleti vantano numerosi successi mondiali nelle discipline paralimpiche di basket e atletica leggera; a Matteo Franzoni, geometra e immobiliarista mantovano, le cui denunce hanno consentito alle Forze dell’Ordine importanti operazioni e arresti; alla Stazione dei Carabinieri “Runo Dumenza, che hanno fornito encomiabile assistenza a seguito della frana che aveva isolato la frazione di Monteviasco in provincia di Varese; all’Associazione Albero Fiorito Onlus, che assiste quasi 150 persone con gravi disagi economici in Valle Staffora (PV), e a Grazia Vittadini, 48 anni, laureata al Politecnico di Milano e oggi a capo della ricerca e degli sviluppi tecnologici del gruppo aerospaziale europeo Airbus. I Premi Speciali del Presidente della Giunta regionale Attilio Fontana saranno infine assegnati all’imprenditore e presidente dell’Hangar Bicocca, Marco Tronchetti Provera, e al celebre chef Carlo Cracco, mentre il ‘Premio Lombardia Montagna’ andrà all’alpinista Marco Confortola.Saranno inoltre assegnati i premi ‘Responsabilità civile e sociale’ a Tina Monaco, che ha saputo usare il teatro e la didattica per rigenerare luoghi complessi e situazioni sociali difficili; al presidente del ‘Comitato Amici del Trivulzio Onlus’, Marco Zanobio; all’ “Associazione ON” e al conduttore televisivo Max Laudadio. Presidente della Giunta regionale Attilio Fontana presiederà a Palazzo Lombardia la cerimonia di consegna del Premio Rosa Camuna 2019, nel corso delle celebrazioni della Festa della Lombardia, istituita nel 2013 da una legge regionale che ha scelto di ricordare il giorno della battaglia di Legnano (29 maggio 1176) per sottolineare i valori culturali e civici del popolo lombardo
“Voglio infine ringraziare – ha aggiunto il Presidente Fermi – la Giuria e l’apposita Commissione di valutazione individuata all’interno del Consiglio regionale, che ha saputo scegliere figure e realtà altamente rappresentative della società lombarda, raccogliendo e valutando con attenzione le numerose segnalazioni pervenute”. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here