Polstrada, chiusa la sede brianzola, è polemica

0
209

Soppresso nei giorni scorsi il distaccamento della Polstrada di Seregno. Un fatto che ha scatenato l’ira degli agenti del Sindacato Autonomo della Polizia di Monza e anche alcuni politici. «Gli agenti fanno notare come il trasferimento degli agenti dall’ex distaccamento nella costituenda Sezione Polizia stradale di Monza prevedeva una implementazione, per garantire almeno lo stesso pattugliamento delle arterie di comunicazione brianzole, di 20 unità, rispetto alle 24 di partenza – commentano il senatore Emanuele Pellegrini e il Consigliere Regionale Alessandro Corbetta – Questo perché mentre il Distaccamento ha compiti soltanto operativi, la Sezione deve affrontare molte più incombenze, dai verbali, all’antinfortunistica, alla polizia giudiziaria, i servizi, la logistica e la gestione automezzi. Risultato? Nessun trasferimento, neppure in piena emergenza Covid. Con una pianta organica coperta per metà, con una nuova e gravosa serie di incombenze burocratiche, come si può garantire la vigilanza stradale sulla principale arterie brianzole? Un disastro annunciato. Un mala gestione dilettantesca che priva la Brianza di un altro servizio indispensabile»
Sul tema vengono annunciate due interrogazioni in Regione Lombardia e in Senato per chiedere conto al Governo Conte del perché non siano stati rispettati gli accordi presi, quantomeno sul reperimento della pianta organica promessa. “Il disappunto del Sindacato Autonomo di Polizia è più che giustificato” conclude il Consigliere Provinciale di Monza e Brianza Andrea Villa. “Un passo avanti e cinque passi indietro. I brianzoli e i lombardi non si meritano questo trattamento».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here