Politica no green pass in manette per spaccio di hascisc

0
145

Formalmente lavorava come imprenditrice edile e militava nel partito di Matteo Salvini ostentando la sua volontà di non vaccinarsi. Ma nelle retrovie gestiva un traffico di droga notevole nella zona di Cesano maderno e del Parco delle Groane, A finire in manette dopo una vasta operazione dei carabinieri della Compagnia di Desio una trentaseienne albanese alla quale sono stati sequestrati 80 (di 450 kg in totale) kg di hascisc e oltre un mione e 300 mila euro. L’ordinanza emessa dal Gip su proposta della Procura della Repubblica di Monza è scattata anche nei confronti di 5 soggetti ritenuti responsabili a vario titolo di spaccio. L’operazione denominata “Mosaico” è scattata ad aprile, a cura della Sezione Operativa di Desio. Singolari le dinamiche riscontrate nel corso delle indagini, dalle quali è emerso come il vertice del gruppo – Jona Mullaraj, di Saronno, con piccoli precedenti per truffa – sia stato ingannato e derubato dell’ingentissimo quantitativo di droga da un suo diretto collaboratore, un 45enne residente nell’hinterland milanese, il quale aveva il compito di custodirlo nel box sotterraneo in un condominio di Cesano Maderno. L’uomo, avvalendosi dell’aiuto di altri due suoi conoscenti, un 43enne di Limbiate e un 42enne di Cesate entrambi colpiti dalla misura, nel corso di una notte di inizio aprile aveva simulato un furto all’interno del box all’insaputa della donna, impossessandosi dello stupefacente per poi nasconderlo all’interno di un’abitazione a Cesate. Il portinaio del condominio, accorgendosi della forzatura della basculante, ha quindi avvisato la locataria del box cioè la 36enne di Saronno, che per stipulare il contratto di locazione, firmato solo pochi giorni prima, aveva utilizzato dei documenti di una terza persona, ignara. Appresa la notizia del furto, la donna ha incaricato il suo diretto collaboratore di fiondarsi sul posto. L’uomo, per non svelare il doppio gioco, ha eseguito la richiesta del suo capo. Tuttavia una volta giunto sul posto ha trovato ad attenderlo i carabinieri. I militari insospettiti dall’anomalo odore proveniente dal box hanno deciso di perquisire la sua abitazione di Cesate dove hanno trovato oltre 80 kg di hascisc, parte del bottino sottratto dal garage 2 notti prima.
Gli altri 370 kg (nelle chat intercettate i malviventi parlavano del carico da 450 kg) sono ancora irreperibili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here