Piantumati 200 alberi a Parco Nord con una festa digitale

0
704

La festa per la piantumazione di 200 alberi nel Parco Nord di Milano è diventata un’iniziativa digitale da condividere e replicare “a distanza”. È così che Gae Engineering, società leader in materia di sicurezza in manifestazioni pubbliche e grandi eventi, ha deciso di celebrare i suoi 10 anni di vita.“Il giorno della piantumazione – ha scritto il fondatore di Gae, Giuseppe G.Amaro, in una mail inviata alla sua community (dipendenti, fornitori, personalità) – sarebbe dovuto essere un gran giorno in cui tutti avremmo assistito alla nascita di nuovi polmoni verdi per la città di Milano. Ma per la tutela e l’incolumità di tutti si è preferito piantare gli alberi in modo silenzioso, senza far passare molto tempo”. “Per far sì che il nostro messaggio sostenibile si diffonda – ha aggiunto Amaro – abbiamo lanciato l’iniziativa della piantumazione digitale, un evento di una settimana”. In questo arco di tempo Gae ha invitato la propria community a condividere, sui propri social, immagini con il tag @GaeEngineering e #GAeGives, postando scatti di piante e verde piantati nelle proprie abitazioni o immortalando il momento stesso della piantumazione. La piantumazione reale dei 200 alberi nel grande parco milanese è avvenuta con la collaborazione di Alida Catella e Reteclima, ai cui progetti di forestazione a Milano Gae partecipa. Reteclima ha messo a punto un Protocollo tecnico, che prevede per il Parco Nord l’utilizzo di specie autoctone  con l’utilizzo di querce mesofile, tra cui la farnia (Quercus robur), il cerro (Quercus cerris), la rovere (Quercus petrae), che si accompagnano ad altre latifoglie, tra cui gli aceri (Acer spp), il carpino bianco (Carpinus betulus) ed il ciliegio selvatico (Prunus avium) ed una serie di elementi arbustivi a contorno.  “Lo sviluppo sostenibile, per noi che ci occupiamo di sicurezza, protezione e prevenzione, è un impegno da portare avanti costantemente. – dice G.G. Amaro – La pandemia e l’emergenza ambientale richiedono a tutti uno sforzo ulteriore e quotidiano per contribuire alla salute nostra e del mondo in cui viviamo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here