Parte Cinisummer, un’estate partecipata

0
195

E’ stata pubblicata nel week end la manifestazioni di interesse rivolta a tutte quelle realtà che intendano aderire ad un percorso di progettazione partecipata finalizzato alla realizzazione degli spazi educativi integrati del territorio di Cinisello Balsamo per l’estate 2020 per i minori dai 6 ai 14 anni, a partire dal 15 giugno fino al 31 luglio 2020.“Il nostro obiettivo è quello di andare incontro al bisogno di quei genitori che, tornati al lavoro, ora si trovano senza possibilità di utilizzare ulteriori permessi o ferie, oppure hanno difficoltà nella gestione dei figli, ma desideriamo anche offrire ai ragazzi la possibilità di tornare a vivere un percorso educativo, sociale e ludico, con un servizio adeguato, dove sarà fondamentale far convivere nella giusta misura gli aspetti pedagogici e quelli sanitari”, ha spiegato l’assessore all’Istruzione Maria Gabriella Fumagalli.Dopo tante notizie frammentarie e norme in continua evoluzione, abbiamo preso una decisione con lo spirito che ci ha sempre contraddistinto: lavorare insieme, unire le forze per il bene di tutti: bambini e loro famiglie che in questo periodo hanno sofferto su tutti i fronti. Solo così si poteva concretizzare l’idea di un’offerta allargata a più famiglie, che altrimenti, viste le restrizioni dettate dai protocolli sanitari, non si sarebbe potuta realizzare. Tre assessorati congiunti hanno lavorato a questa sfida: Scuola, Cultura e Sport, Centralità della persona e Terzo Settore, per offrire al territorio punti di riferimento dove trovare risposte ai bisogni educativi dei bambini, mettendoli in relazione con i coetanei attraverso l’attività fisica e il gioco all’aria aperta e, non per ultimo, per supportare le famiglie. A tale scopo Cinisello Balsamo si distinguerà in cinque zone dove si attiveranno i percorsi offerti.Si avvia così un percorso di progettazione partecipata che permetterà di analizzare con tutti gli attori interessati le indicazioni date dalle norme, mettendo a disposizione più spazi, e di condividere l’iter amministrativo, sanitario e formativo necessario alla definizione dei progetti.“L’obiettivo dell’Amministrazione comunale si concretizza quindi nella scelta di fare “sistema” con tutte le realtà presenti sul territorio, per delineare con i soggetti che rappresentano la “comunità educante” le regole e gli obiettivi di un’esperienza innovativa di progettazione partecipata per l’estate 2020, sperimentando per la prima volta una forma virtuosa di collaborazione finalizzata ad un progetto cittadino”, ha precisato l’assessore alla Centralità della Persona e Terzo Settore Riccardo Visentin .

Si tratterà di un progetto unitario, pur svolto da diverse realtà, assolutamente innovativo e sperimentale, per la cui realizzazione è opportuno un forte coordinamento, andrà a rivoluzionare il concetto dei vecchi “centri estivi” sia nei programmi giornalieri sia nelle modalità aggregative ma con un unico spirito di condivisione.

L’Amministrazione Comunale intende promuovere, sostenere e finanziare gli Spazi Educativi integrati al quale potranno aderire tutti gli attori interessati a partire da coloro che hanno sempre animato i centri estivi: gli oratori, le associazioni sportive e culturali, gli organismi del terzo settore. Lo spirito con cui si avvia questo percorso sarà quello che accompagnerà il futuro delle varie agenzie educative e metterà le basi per una progettazione sempre più condivisa degli interventi”, ha concluso l’assessore alla Cultura e Sport Daniela Maggi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here