Parchi e sport all’aperto da lunedì, ecco le regole nel Nord Milano

0
201

Da lunedì 4 maggio si potrà svolgere attività motoria, sia individualmente oppure accompagnando minori e non autosufficienti, purché nel rispetto della distanza minima di 2 metri. Si potrà dunque tornare a fare jogging o semplici passeggiate. A questo proposito il sindaco Giacomo Ghilardi di Cinisello ha firmato questa mattina un’ordinanza che regola l’utilizzo dei parchi e delle aree verdi cittadine, le aree verdi verranno riaperte ad eccezione dei parchi recintati all’interno dei quali non sarà possibile garantire le misure di sicurezza e il controllo. Nello specifico l’ordinanza dispone la chiusura al pubblico dei Parchi di Villa Ghirlanda Silva, Nigozza, Ariosto, Tiziano Verga, di Villa Forno e dell’area verde denominata “dei marchigiani”. In tutti gli altri parchi, giardini e aree verdi comunali resta consentito l’accesso al pubblico condizionato al rigoroso rispetto del divieto di ogni forma di assembramento e della distanza di sicurezza interpersonale di un metro e con l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione individuale previsti dalle Ordinanze regionali. Anche in tali aree non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa, tutte le aree attrezzate per il gioco dei bambini saranno interdette, come previsto dal Decreto ministeriale. Vietata ogni forma di picnic e l’utilizzo dei tavoli ad ogni fine, le aree comuni non sono pertanto utilizzabili. Nelle panchine non sarà possibile sostare se non in forma rigorosamente individuale. Stessa cosa a Sesto San Giovanni dove riapriranno cinque parchi: “Giardino Rovani-Bandiera”; “9 Novembre 1989” (viale Gramsci); “Aleramo Comi” (via XXIV Maggio/viale Italia); “Microgiardino Vobarno (via Vobarno/via Lambro); “Giardino Marx-Lombardia”. Tutti gli altri parchi e giardini della città, recintati e non, resteranno chiusi e interdetti così come resteranno inaccessibili tutte le aree giochi (anche quelle all’interno dei parchi che riapriranno) in base al decreto del governo del 26 aprile. “Dopo un’attenta valutazione su tutte le aree verdi di Sesto – commenta il sindaco Roberto Di Stefano – abbiamo deciso di riaprire 5 parchi della città, tenendo presenti sia le esigenze dei cittadini che le norme di sicurezza assolutamente da non tralasciare. Dopo i mercati, anche questo è un segnale di ripartenza importante per tornare pian piano alla normalità, con grande responsabilità e nel pieno rispetto di tutte le precauzioni necessarie”.

Ecco le regole da seguire per accedere ai parchi riaperti dall’amministrazione comunale: è vietato l’accesso a chi ha la febbre (temperatura sopra i 37,5°) o manifesta sintomi tipici del coronavirus (tosse, raffreddore, mal di gola, difficoltà respiratorie), per almeno 15 giorni e comunque fino a completa guarigione; è vietato l’accesso a chi è stato in contatto con persone risultate positive al Coronavirus negli ultimi 15 giorni; è vietato entrare senza guanti e mascherina (o qualsiasi altro indumento per coprire naso e bocca); è obbligatorio mantenere almeno 1 metro di distanza dalle altre persone, sia dentro al parco sia nell’attesa di entrare senza creare assembramenti; è obbligatorio buttare mascherina e guanti nel cestino più vicino in modo da evitare rischi di contagio; è obbligatorio limitare i contatti per evitare assembramenti pericolosi; è raccomandato l’uso di una soluzione disinfettante per lavarsi le mani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here