Operazione Ponti sicuri sulla Milano Meda, previste chiusure

0
286

Avviati in questi giorni importanti lavori di risanamento di due manufatti posti a scavalco della SP ex SS n. 35 “Milano-Meda”, ubicati nel tratto compreso tra gli svincoli di Bovisio Masciago e Varedo, rispettivamente il ponte P2 (cavalcavia di viale Brianza) e il ponte ciclopedonale P5 (cavalcavia di via Monte Tre Croci), ambedue territorialmente localizzati nel Comune di Varedo

La cantierizzazione complessiva comporta, lungo il tratto comunale di viale Brianza posto sopra al cavalcavia, l’istituzione di sensi unici alternati regolati da semafori, in modo da consentire l’esecuzione delle attività di risanamento previste, evitando di fatto chiusure in orario diurno della Milano-Meda. Tutte le lavorazioni di ripristino delle superfici poste sotto al manufatto saranno quindi svolte in orario notturno (dalle ore 21.00 della sera alle ore 06.00 del mattino seguente), prevedendo chiusure totali al traffico dei tratti di carreggiata ascendente (verso valle/Como) e discendente (verso monte/Milano) della SP ex SS35, compresi tra gli svincoli n. 7 Varedo e n. 8 Bovisio Masciago, con uscita obbligatoria allo svincolo interdetto e istradamento veicoli su itinerari alternativi di deviazione lungo viabilità comunali. Il secondo è il ponte ciclopedonale interdetto al passaggio dal 2019, a causa di riscontrate criticità in ordine alle condizioni conservative di pavimentazione e barriere. Dopo i previsti lavori di recupero conservativo verrà riaperto a pedoni e ciclisti, riattivando in questo modo un ulteriore itinerario di ricucitura tra le aree verdi del Parco GruBria.La cantierizzazione prevista sarà la medesima del ponte P2. Sono previste chiusure notturne settimanali nel tratto di “Milano-Meda” interessato. Il termine dei lavori appena iniziati è previsto nella primavera del 2023.Aggiornamenti, date delle cantierizzazioni, delle chiusure e informazioni sulla viabilità alternativa verranno di volta in volta pubblicati sul sito web istituzionale della Provincia di Monza e della Brianza https://www.provincia.mb.it/Temi/Viabilita-e-strade/lavori-in-corso/Questo segmento stradale e le relative opere in esso incluse, secondo le note previsioni progettuali, è destinato a restare in gestione a Provincia MB, in quanto non incluso nell’intervento di realizzazione della futura tratta B2 di Autostrada Pedemontana Lombarda.

Per tale ragione, nel corso del 2019 venne siglata una convenzione tramite la quale Regione Lombardia si è impegnata ad erogare a Provincia MB una somma pari ad € 1.000.000,00, a valere sulle risorse europee del Fondo Sviluppo Coesione, allo scopo di consentire l’attuazione delle attività di recupero conservativo di due manufatti di scavalco: il Ponte autoveicolare P2 (cavalcavia di viale Brianza) e il Ponte ciclopedonale P5 (cavalcavia di via Monte Tre Croci) nel territorio comunale di Varedo. In seguito ad indagini conoscitive delle strutture e dei terreni di fondazione effettuate dalla Provincia di Monza e della Brianza, i lavori sono stati aggiudicati e, solo dopo una necessaria pianificazione delle attività, si è potuto dare avvio agli stessi. In particolar modo, per quanto riguarda il cavalcavia di viale Brianza (P2), è stato necessario individuare una soluzione operativa “di compromesso”, capace di garantire sia la regolarità della circolazione veicolare lungo viale Brianza, importante arteria comunale che collega il centro di Varedo con la relativa frazione “Valera”, la minimizzazione dei disagi sulla sottostante “Milano-Meda” e la continuità degli impianti tecnologici di varia natura, posti in attraversamento al ponte (acqua, metano, telecomunicazioni, elettricità)

Entrambi i manufatti, realizzati nell’anno 1969 all’atto della costruzione della “Milano-Meda”, saranno sottoposti ad una manutenzione straordinaria, la quale prevede, lungo le viabilità comunali superiori, operazioni di asportazione massicciata, ripristino soletta, stesa impermeabilizzazione, formazione nuova pavimentazione, posa giunti di dilatazione, sostituzione barriere di sicurezza, previa realizzazione di nuovi cordoli di supporto, posa punti luce, installazione segnaletica verticale e tracciamento di quella orizzontale. Lungo la viabilità inferiore, cicli di bonifica e recupero di superfici di spalle, pile, solette, travi e ripartitori (eliminazione spessori degradati, trattamenti pulizia, passivazioni armature, stesa nuovi intonaci, applicazione pitture protettive).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here