Moschea, Vino: Integrazione? Pagano sempre gli stessi…

0
227

SESTO SAN GIOVANNI – Poche ore dopo la firma del notaio che ha “sancito” la cessione dell’area in fondo a via Luini dal Comune ai rappresentanti del centro di cultura islamico di Sesto per la realizzazione della “moschea” sestese, è arrivato il duro attacco di Paolo Vino, segretario della Lista civica dei Giovani sestesi che se la prende col sindaco Monica Chittò per la gestione della vicenda.

“L’apertura, il dialogo, il confronto sono tutte belle parole di cui questa maggioranza si riempie in continuazione la bocca ma che alla fine non c’è; tu puoi proporre milioni di progetti ma solo perché arrivano dall’opposizione vengono scartati. Siamo sempre stati a favore di un centro culturale islamico in città, ma non siamo d’accordo che diventi il centro culturale islamico del nord Milano. Abbiamo sollecitato più volte il sindaco Oldrini prima e il sindaco Chittò dopo a rivedere posizione e soprattutto la dimensione del centro ma è stato un dialogo tra sordi” si legge in una nota diramata dal segretario della lista civica.

Nel mirino del segretario dei Giovani sestesi c’è soprattutto l’attuale primo cittadino sestese che, nei giorni scorsi, si è dichiarata “felice di poter dare l’avvio, con la firma di questa mattina, ad un percorso che renda Sesto una comunità sempre più aperta, moderna e intelligente”. “Il Sindaco Chitto’ si dichiara fiera dell’integrazione che Sesto sta realizzando, peccato che tocca sempre agli stessi viversi questa fantomatica integrazione. D’altronde – continua Vino – più bastonati dei residenti del quartiere Restellone che lotta da anni con gli zingari, con la prostituzione, e il degrado urbano, e la loro voce ? mai ascoltata, anzi nessun confronto, soprattutto niente dialogo. Niente di niente! Sindaco ma che cosa sta cambiando a Sesto? Siamo fermi da venti anni, avete cacciato tutto quello che avrebbe creato produttivo. L’unica cosa che vi interessa? Mantenere consenso elettorale e se non lo trovate più a casa vostra lo cercate altrove”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here