Monza, screening sierologico di massa per 8000 persone

0
95

Parte a Monza il 24 giugno una delle più estese sperimentazioni sierologiche per testare il territorio e la sua risposta al Covid. Si chiama “Monza Consapevole” l’iniziativa promossa dal Comune e realizzata grazie ad un’idea dei fratelli Fumagalli di Candy, di Lucio Rovati di Rottapharm e di Alessandra Marzari, presidente del Consorzio VeroVolley. Nell’arena dove gioca la suqadra di pallavolo da domani 24 giugno fino al 10 luglio oltre ottomila operatori commerciali e dipendenti di imprese del territorio (i volontari della Protezione civile, le cassiere dei supermercatii e le educatrici dei nidi) selezionati grazie alla collaborazione di Confcommercio e Confartigianato verranno sottoposti ai test sierologici dai volontari di Monza Consapevole e da Synlab.  “Abbiamo scelto di offrire lo screening sia a quelle persone che non si sono mai fermate durante il lockdown sia a coloro che hanno appena riavviato attività e servizi essenziali – ha spiegato il Sindaco Dario AlleviRingrazio i lungimiranti benefattori che hanno reso possibile questa ulteriore impresa: quella di ridare fiducia alla nostra città e alle sue attività produttive che stanno affrontando la difficile prova della ripartenza. Monza sta rialzando la testa e questa possibilità dimostra il grande senso di responsabilità che la nostra comunità sa esprimere”.Monza Consapevole ha anche il patrocinio della Regione Lombardia: “E’ un’iniziativa a cui non possiamo che rivolgere un plauso. E’ la risposta più immediata e vicina alla necessità delle attività commerciali e delle micro imprese, che rappresentano la colonna portante del tessuto economico brianzolo. In un momento difficile come questo, la collaborazione tra mondo istituzionale, imprenditoriale, sanitario e accademico risulta fondamentale per offrire un servizio di test e tamponi gratuiti, per affrontare con sicurezza una ripresa economica che va sostenuta e rilanciata con tutte le nostre forze. Ancora una volta si dimostra la grande capacità brianzola di fare sistema, attraverso un aiuto concreto, secondo il principio del nostro territorio secondo cui soltanto unendo le forze si riescono a vincere le battaglie”. ha detto il Vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala.“Si tratta di un’iniziativa nata dalla volontà del Comune e dell’imprenditoria privata e prevista all’interno della Delibera Regionale 3131 – commenta Silvano Casazza, Direttore Generale di ATS Brianza – che affianca la massiccia campagna di screening che ATS sta attuando sul territorio rivolta ai cittadini in sorveglianza, operatori sanitari, forze dell’ordine, tribunale, ospiti ed operatori delle unità socio assistenziali”. Gli esami saranno eseguiti gratuitamente tra il 24 giugno e il 10 luglio (dal lunedì al sabato, dalle 14 alle 18.30). La prenotazione è semplice: i titolari delle microimprese di Monza e i destinatari individuati riceveranno una PEC con tutte le istruzioni per aderire all’iniziativa e attraverso la compilazione di un form potranno prenotare il proprio appuntamento e quello per i propri dipendenti. Saranno attivi anche una pagina internet (monzaconsapevole.it) e un call center (al numero 334 2409907) per fornire tutte le informazioni necessarie.Sarà possibile scegliere sia il giorno che la fascia oraria preferita per effettuare i test. Entrambi i test si svolgeranno nello stesso momento: un piccolo prelievo di sangue per il test sierologico che rileva gli anticorpi contro il virus e l’esecuzione contestuale di un tampone che verrà analizzato soltanto nel caso di positività agli anticorpi. Con il progetto Monza Consapevole, a differenza di altre indagini in corso sul territorio nazionale, a seguito di test sierologico positivo non sarà necessario alcun isolamento preventivo dei soggetti e nessuna interruzione della propria attività professionale se non per chi poi dovesse risultare positivo anche al tampone già eseguito e a quel punto immediatamente analizzato.Il test sierologico rileva la presenza di anticorpi contro il Coronavirus e può testimoniare un eventuale contatto con il virus nelle settimane o nei mesi precedenti: oltre che per la consapevolezza di questo contatto, questa potrà essere un’informazione utile per il singolo soggetto quando le conoscenze scientifiche sull’eventuale immunità saranno più approfondite. L’analisi del tampone, invece, può escludere un’eventuale infezione in corso per garantire la sicurezza personale e degli altri. L’iniziativa è finanziata dalle famiglie Fumagalli e Rovati e dall’Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti. “Con il Sindaco, Lucio ed Aldo sono bastate poche parole per trovare l’intesa e mettere in piedi un’organizzazione davvero complessa con l’obiettivo di aiutare le microimprese monzesi a ritrovare la dinamicità di sempre” dichiara Beppe Fumagalli “L’iniziativa incarna il senso dell’impegno Cristiano e il supporto dei soci UCID della comunità non poteva mancare”, aggiunge il fratello Aldo, Presidente dell’Associazione. La direzione sanitaria è affidata al prof. Marco D’Orso dell’Università di Milano-Bicocca e Synlab. Sempre Synlab si occuperà dell’esecuzione dei test sierologici e dell’analisi dei tamponi dei soggetti positivi al prelievo: Siamo orgogliosi di essere a fianco del Comune di Monza e degli illuminati imprenditori a supporto del progetto. Il nostro laboratorio è stato fin dal subito in prima linea per supportare il Sistema Sanitario Regionale e le aziende nella ripartenza”, sottolinea Andrea Buratti, Direttore Area Nord-Ovest di Synlab Italia. Fare prevenzione e contenere la diffusione della pandemia sono i principali obiettivi sanitari dello screening sul territorio, già così duramente colpito nei mesi scorsi, che ha anche un forte valore scientifico come spiega Lucio Rovati, presidente di Rottapharm Biotech: ”Avremo un’idea precisa di quanto il virus abbia circolato nella nostra comunità, partendo da uno specifico settore produttivo. Correleremo il dato con la eventuale sintomatologia negli ultimi mesi e individueremo le possibili infezioni in atto”. Il supporto scientifico all’iniziativa è offerto dall’Università di Milano-Bicocca: “L’Ateneo conferma l’assoluta disponibilità a collaborare in questo progetto di alto valore scientifico per la Città”, aggiunge il prof. Guido Cavaletti, Pro-Rettore alla Ricerca dell’Università di Milano-Bicocca. Per tutte le informazioni: 334 2409907, oppure www.monzaconsapevole.it.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here