Monza, lavori per le tubature dell’acqua non invasivi

0
213

Prenderanno il via in questi giorni i lavori per il risanamento di quasi 2 chilometri dell’importante collettore fognario nel tratto tra viale Stucchi e viale delle Industrie, assi viabilistici tra i più strategici della città. Un intervento da 3,6 milioni di euro e una durata prevista di circa 3 mesi e mezzo che trova la sua peculiarità nella tecnologia scelta per l’esecuzione del progetto. Per la riqualificazione delle condotte, deteriorate da problemi di diversa entità riconducibili principalmente alla vetustà dei sottoservizi, BrianzAcque utilizzerà il procedimento NO DIG, ovvero senza scavi a cielo aperto. In questo specifico caso, la tecnologia ritenuta più idonea corrisponde a quella del “relining interno”. Grazie ed essa è possibile installare un nuovo tubo all’interno di quello già esistente utilizzandolo come cassero con tutta una serie di vantaggi. Il primo fra tutti sta nella significativa riduzione dell’impatto dei lavori rispetto al contesto viabilistico e quindi a seguire, in tempi di esecuzione più celeri, in una maggior sicurezza per lavoratori e persone. Meno polveri, rumori, vibrazioni, rifiuti. “BrianzAcque trova nell’innovazione un asset strategico per lo sviluppo e la promozione del territorio- dichiara il presidente e AD di Brianzacque , Enrico Boerci – Siamo certi che la tecnologia NO DIG rappresenti la soluzione vincente per queste arterie nevralgiche in quanto i disagi sono ridotti al minimo per gli automobilisti in transito e , più in generale, per le numerose attività imprenditoriali e sportive posizionate lungo l’asse di viale Stucchi, viale della Industrie, come pure per quelle nelle immediate vicinanze. La complessa opera di rifacimento del collettore, che finanzieremo con gli introiti provenienti dalle bollette dell’acqua, potrà così concretizzarsi con minori costi sociali e  concludersi  con il ripristino ottimale del servizio e con apporti positivi sull’ambiente”.  Si tratta di un intervento importante – spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Simone Villafrutto del confronto, della collaborazione e delle positive sinergie tra BrianzAcque e Amministrazione al fine di dotare la città di una rete fognaria moderna e sempre più efficiente. Particolare attenzione sarà data alla cantierizzazione dell’opera per procurare il minor disagio possibile alle attività produttive, ai residenti e ai veicoli in transito, trattandosi di un’area di primaria importanza per la viabilità della città”. Visivamente, il chilometro e novecento metri coinvolto dall’operazione, è compreso tra dall’incrocio di viale Stucchi con viale Sicilia fin quasi alla piattaforma ecologica in viale delle Industrie, ad eccezione della rotonda in corrispondenza del cimitero. I lavori si concentreranno prevalentemente al centro della carreggiata lungo l’aiuola verde spartitraffico che separa le due carreggiate stradali, strade di comunicazioni importanti che collegano Monza con gli innesti della tangenziale Nord di Milano, con l’autostrada A4 Milano Venezia e con il centro città. Le attività di cantiere procederanno a step, ma contemporaneamente in più punti del tracciato con scavi ridotti al minimo, giusto allo spazio necessario per consentire ai mezzi delle imprese di raggiungere i sottoservizi e il passaggio del liner che risanerà la condotta per lunghezze mediamente di circa 100 metri per volta. In sintesi, il relining consiste nell’inserimento di una guaina in fibroresina dentro il tubo esistente.  Il nuovo tubolare, chiamato appunto liner, viene impregnato di resina, inserito e fatto indurire all’interno del tubo ospite. In questo modo, la condotta si ricostruisce dall’interno senza ricorrere a effrazioni della carreggiata e allo smantellamento delle vecchie condutture. Questa tecnica d’intervento prevede in via preliminare l’esecuzione di una serie di operazioni che vanno dalle video ispezioni di verifica del reale stato delle condotte fino alla pulizia approfondita delle medesime e all’installazione di by pass provvisori per la deviazione temporanea delle portate dei reflui in transito.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here