Monza, coppie di pusher beccate dalla Polizia

0
335

Sequestrate cocaina e mariuana e centinaia di euro in contanti provento di spaccio. Si è svolta venerdì, 15 aprile un’operazione antidropga della Polizia di Monza. Erano circa le  17.00, quando in via Nino Bixio, gli agenti notavano una Opel Corsa condotta da due persone già note ai poliziotti.
Gli agenti, quindi, cominciavano a seguire i movimenti della coppia, notando come, poco dopo, sempre a bordo dell’auto, i due si avvicinavano ad una ragazza presente sul ciglio della strada, con la quale avveniva un rapido scambio.
Non escludendo che si potesse trattare di una cessione di stupefacenti, gli agenti bloccavano contestualmente la giovane donna e la Opel Corsa. La coppia all’interno dell’auto, anziché ottemperare all’alt, tentava la fuga, innestando la retromarcia e andando a collidere con un’auto poco distante e, mentre il conducente rimaneva bloccato nell’abitacolo, la persona a lato passeggero apriva lo sportello, tentando la fuga, venendo bloccato dai poliziotti dopo una decina di metri. Nell’immediatezza, si accertava come la ragazza avesse appena acquistato la dose di cocaina proprio dai due, risultati essere cittadini di origine magrebina, già gravati a vario titolo da specifiche condanne e denunce in materia di stupefacenti. Infatti, nella perquisizione all’interno dell’autovettura, si rinveniva in una plafoniera un’altra dose di cocaina pronta per essere spacciata ed una dose di marijuana, mentre sull’aletta parasole veniva rinvenuta e sequestrata la somma in contanti di euro 215.00, suddivisa in banconote da 50,00, 20,00 e 5,00 euro.
Sussistendo, quindi, la flagranza del reato  la perquisizione veniva estesa all’abitazione della coppia di magrebini, domiciliati a Lissone.
Gli agenti, una volta entrati in casa, sorprendevano un terzo cittadino magrebino che risultava essere ricercato, dovendo scontare una condanna ad anni 3, mesi, 3 e giorni 3 di reclusione, sempre per reati in materia di stupefacenti, e, a riprova di una vera e propria base logistica utilizzata per lo spaccio, veniva rinvenuta altra sostanza stupefacente del tipo cocaina, dal peso di 4,75 grammi, sopra un mobile della camera da letto, nonché un’ulteriore somma di ero 1.000 suddivisa in banconote da 50,00, 20,00, 10,00 e 5,00 euro, occultate sotto un decoder.
Tutto il materiale veniva sottoposto a sequestro e, presso gli Uffici del locale Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica, veniva effettuato l’esame preliminare narco test che dava esito positivo al reagentario rispettivamente per la cocaina e i cannabinoidi.
Sussistendo, quindi, la flagranza del reato di illecita detenzione di sostanza stupefacente, i due cittadini magrebini controllati a bordo dell’auto venivano tratti in arresto e posti a disposizione della Procura della Repubblica di Monza, mentre il terzo cittadino magrebino, gravato dalla condanna ad oltre tre anni e ricercato, veniva tradotto e associato presso la locale Casa Circondariale San Quirico di Monza per l’espiazione della condanna definitiva.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here