Monza, ancora nessuna notizia di Sergiy sparito dal 20 luglio

0
182

«Non merito tutti i vostri sforzi e sacrifici. Grazie per quello che avete fatto per me, vi voglio bene». Un biglietto con queste parole insieme alla sim del cellulare e a tutti i suoi effetti personali sono stati trovati la mattina del 20 luglio nella camera di Sergiy Sannicandro, il ventitreenne originario ucraino, adottato da una famiglia monzese da sei anni. Il giovane sarebbe dunque sparito nel nulla e sono ancora assolutamente misteriosi i motivi che lo hanno portato a ciò. A lanciare l’allarme alle forze dell’ordine è stata la sua mamma Laura Nicotra, che gestisce una palestra a Lissone, che ha diramato numerosi appelli sui social. Allontanamento volontario o altro? Le indagini dei carabinieri di Monza si svolgono a 360 gradi e finora nessuna notizia di Sergiy ha dato speranze. Il ragazzo prima di andare via ha formattato il computer, ha tolto la sim dal telefono, si è cancellato dai social e persino whatsapp non ha più l’immagine profilo.  Un caso che sembra ricordare quello di Alessandro Venturelli, il ventenne di Sassuolo sparito nel nulla da dicembre scorso. «Sergiy è un ragazzo in gamba, ama la moda e, come tutti i ragazzi della sua età, ha diversi amici – ha detto la mamma – Fammi solo sapere come stai. Se vuoi allontanarti noi rispettiamo la tua decisione e i tuoi sentimenti. Basta una telefonata o un messaggio. Ti vogliamo tanto bene».  Secondo le ricostruzioni dei genitori quando si è allontanato da casa, Sergiy indossava un paio di bermuda in jeans, una camicia azzurra, scarpe da ginnastica bianche e uno zaino di pelle nera. E’ alto 1.78. “Vi preghiamo di divulgare il più possibile, vi ringraziamo anticipatamente, dietro questa comunicazione e foto ci sono persone che stanno soffrendo e che hanno voluto Sergiy con tutte le forze”. Per segnalazioni 3381031617

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here