Monza, Allevi stila il bilancio dell’anno: «A inizio gennaio riapriamo la Villa Reale»

0
256
«Riaprire la Vila Reale, appena abbiamo recuperato le chiavi dal gestore ormai uscente e inaugurare il nuovo ponte sul fiume Lambro: questi sono i primi obiettivi per il nuovo anno. La speranza deve aiutarci a lasciarci alle spalle un anno pazzesco e indimenticabile che dal 23 febbraio, quando è stato segnalato il primo caso di Covid a Monza, è andato solo peggiorando». Il sindaco di Monza Dario Allevi ha fatto il punto sul 2020, un anno caratterizzato dall’emergenza Covid che se nella prima ondata aveva visto l’80 per cento dei ricoverati in città provenienti da altre province, in questa seconda invece ha falcidiato i monzesi in ogni modo. Molto è stato fatto: «Innanzitutto siamo partiti con soli dieci dipendenti in smart working per arrivare a 300 nei giorni del lockdown, grazie alla nostra previdente organizzazione digitale – ha elencato Allevi – poi grazie a Servizi sociali protezione civile Polizia locale abbiamo lavorato per aiutare chi aveva bisogno e organizzare la didattica nelle scuole dell’infanzia elementari e medie, prima a distanza e poi in presenza». In estate c’è stata una presenza boom nei centri estivi; poi sono stati stanziati
9 milioni euro per lavori nelle scuole.
«A lavorare al top in città è stato l’Esercito del bene, con un sacco di gente che ci ha aiutato in ogni modo insieme al Comitato Prefettizio che si è incontrato sempre in un gioco squadra – ha continuato Allevi – il Comune poi ha stanziato 1.2 milioni di euro per le microimprese, per le Società sportive cittadine 210mila euro, oltre 1 milione e 300 mila euro di buoni spesa e affitto, 104 mila euro da donazioni». Importante novità: il Comune ha deciso di stanziare 400 mila euro a fondo perduto per le famiglie monzesi con figli adolescenti per dare la possibilità di iscriversi a corsi di vario tipo per i ragazzi. «Un’iniziativa per allontanare i ragazzini dalla strada e farli tornare a socializzare ma con uno scopo culturale, sportivo, sociale», ha spiegato Allevi.
Per quanto riguarda i lavori pubblici è stata appena inaugurata la nuova via zavattari, poi l’asfalto in altre 14 strade della città. E non è finita. «A breve partiranno i lavori di rifacimento di piazza Santa Caterina a Cederna e di piazza Pertini a Sant’Albino – ha spiegato l’assessore Simone Villa – due opere importanti per i quartieri periferici ma fondamentali per la città per cui sono stati investiti 400 mila e 350 mila euro;infine sarà rifatta l’illuminazione in piazza Duomo grazie sempre al lavoro di architetti interni».
L’elenco non è finito: 21 i patti di collaborazione avviati, 15 nuovi bus ecologici acquistati,
20 colonnine di ricarica elettrica, otto nuove stazioni di bike sharing e 2 milioni per nuove ciclabili, finanziato il progetto di sharing del Monopattino (1000 noleggi al giorno) e il sogno della riqualificazione delle grandi aree urbane dimesse.«Su queste parte il bando regionale per le bonifiche entro i tre anni e centinaia sono state le domande arrivate, speriamo di ridisegnare una nuova città».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here