Manette in Regione per Mantovani e altri assessori e dirigenti

0
262

Era tempo che si vociferava di tintinnare di manette di nuovo in regione Lombardia. E questa mattina, 13 ottobre, è arrivata la notizia dell’arresto di Mario Mantovani, vicepresidente della Regione, nonché ex sindaco di Arconate, ex sottosegretario ai trasporti e coordinatore regionale di Forza Italia. Lui, proprio grazie a queste numerose cariche politiche e amministrative, secondo la Procura di Milano che ha coordinato l’indagine Entourage della Guardia di Finanza, sarebbe riuscito per anni a pilotare gli appalti nel settore della Sanità (era stato infatti assessore all’inizio della Giunta Maroni e poi “silurato” dal leghista), ma anche nel settore delle scuole. Corruzione e concussione le ipotesi di reato formulate dal pm Polizzi per lui e per altre persone. Primo tra tutti il suo collaboratore Giacomo Di Capua, 34 anni, capo di gabinetto dell’assessorato alla Sanità, e anche un ingegnere del provveditorato alle opere pubbliche per la Lombardia e la Liguria, Angelo Bianchi,  già  arrestato nel 2008 per un caso di presunti appalti truccati in Valtellina e successivamente rinviato a giudizio (con altri) nel 2012.Per loro le accuse vanno da abuso di ufficio, turbativa d’asta, corruzione e concussione per appalti nella sanità  tra il 6 giugno 2012 e il 30 giugno 2014. Oltre ai tre arrestati ci sono altri 12 indagati che “hanno concorso a vario titolo nei reati”. Uno di questi è il leghista Massimo Garavaglia (è indagato per turbativa d’asta), assessore all’Economia e braccio destro di Maroni. Sconvolto tutto l’entourage di Mantovani e Maroni e non solo. «Bisogna aprire una riflessione su cosa sta accadendo nella maggioranza e se si può andare avanti – ha detto Enrico Brambilla, capogruppo Pd in Regione Lombardia – E’ opportuna una tempestiva conferenza dei presidenti dei gruppi e una discussione in aula martedì prossimo». da parte loro il Movimento cinque stelle da sempre convinto che qualcosa non andava e in collaborazione per la trasparenza nella Regione ha  chiesto le dimissioni di tutta la Giunta e di Maroni «Meglio di così la Lombardia non poteva festeggiare la giornata della trasparenza: il vicepresidente Mantovani è stato arrestato e, al momento risulterebbe indagato l’assessore al Bilancio Massimo Garavaglia, braccio destro del governatore – elenca Dario Violi, capogruppo del M5S in Consiglio regionale – Stiamo predisponendo una mozione di sfiducia nei confronti di Maroni che si deve dimettere immediatamente».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here