Mafia, blitz anche a Brugherio

0
260

BRUGHERIO – C’è anche Brugherio tra le tante località lombarde in cui è scattato il blitz antimafia della Squadra di Milano, coordinata dalla Dda, che ha portato a 8 arresti  tra cui anche la figlia e il genero di Vittorio Mangano, noto anche come “lo stalliere di Arcore”.

Ma sono decine le perquisizioni fatte nei comuni di Peschiera Borromeo, Bresso, Cremona, Corsico, Monza, San Donato Milanese, Brugheruo, Varese… Il sistema di “mafia imprenditoriale” come viene battezzato dagli investigatori, era radicato in tutto il territorio lombardo da anni ormai e si avvaleva di commercialisti, funzionari di banca e altri “colletti bianchi”. Attraverso la creazione e l’attività di società cooperative e false fatturazioni, la gang accumulava fondi neri per prestare sostegno logistico ed economico a latitanti e famiglie di mafiosi in carcere.

Le accuse a vario titolo sono quelle di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione, false fatturazioni, favoreggiamento e impiego di manodopera clandestina. L’ennesima conferma, come se ce ne fosse ancora bisogno, che la criminalità organizzata non è più solo un cancro che affligge il sud attraverso le attività delle famiglie di mafia, ‘ndrangheta o camorra, ma è un fenomeno che ha messo i suoi tentacoli anche in Lombardia. (g.v.)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here