Luminarie a Monza, è polemica sul costo dello show all’Arengario

0
393

Il “caso” delle luminarie di Natale a Monza infiamma la città. Da una parte il sindaco Dario Allevi e l’assessore Massimiliano Longo che difendono la scelta di accendere di luci la città, dal 28 novembre al 6 gennaio, per “restituire una speranza di rinascita alla città piegata dalla pandemia”, a fronte di una spesa di 59 mila euro, dall’altra le forze di opposizione – in particolare Italia Viva – presenta una mozione in Consiglio Comunale contro la scelta di spendere in particolare 59 mila euro per accendere l’Arengario con un video mapping, invece di aiutare i poveri della città. La rassegna “Christmas Monza 2020”  è stata approvata con determina il 13 Novembre scorso dalla Giunta comunale monzese. Il progetto che consiste in audio visual mapping sull’edificio dell’Arengario, da svolgersi nel periodo che va dal 28 novembre al 6 gennaio del nuovo anno, come gli altri anni. Una partnership tra pubblico e privato secondo l’amministrazione che non graverebbe più di tanto sulle tasche dei cittadini. Ma i consiglieri di Italia Viva non ci stanno. «Siamo in uno stato di emergenza sanitaria ed economica, la libertà dei cittadini è stata limitata per preservare la salute di tutti con conseguenti gravi perdite: economiche, di lavoro e personali, per molti – scrivono – Non capiamo come sia possibile sprecare fondi comunali pubblici (ben 59 mila euro!) nell’allestimento effimero di luci natalizie in questo particolare momento in cui molti nostri concittadini hanno bisogno di beni di prima necessità. Ci sorprende inoltre che la delibera di Giunta sia stata approvata nei giorni in cui i medici e gli operatori sanitari, tutti, del San Gerardo sono in forte affanno e crisi. Potranno i nostri cittadini godere di queste luminarie oppure saranno ancora confinati in casa? È giusto affrontare questa spesa quando l’Amministrazione ha affermato che il Comune non ha fondi per sostenere i suoi cittadini in difficoltà?” questo quanto dichiarato dai coordinatori territoriali Italia Viva Monza – Rosanna Carraretto e Alberto Pilotto. «Le luminarie non sono solo un’operazione estetica, ma hanno una importante valenza economica e sociale: favoriscono, infatti, il sostegno e il rilancio del tessuto commerciale cittadino e regalano, soprattutto ai più piccoli, quella gioia e quella spensieratezza che la pandemia sta mettendo a dura prova. Per realizzare questo progetto, ampio e articolato, non abbiamo messo le mani nelle tasche dei cittadini – al contrario di molti altri Comuni – perché le luci di Natale saranno finanziate da un pool di partner commerciali. Questo Natale vorrei diventasse un’occasione di rinascita, un momento di ripartenza per commercianti e famiglie», ha ribadito il sindaco Allevi. Le luci su Monza si accenderanno sabato 28 novembre per spegnersi, al termine delle festività, mercoledì 6 gennaio. Sono ben 565 gli eleganti «lampadari dorati» con una palla rossa che renderanno suggestivo il Natale a Monza sia durante il giorno che nelle ore notturne. Quest’anno saranno 38 (contro le 30 dell’anno scorso) le vie illuminate  oltre all’Arengario che si trasformerà in un libro animato per celebrare il centenario della nascita di Gianni Rodari, il più grande scrittore per l’infanzia che ha conquistato la fantasia di intere generazioni nato il 23 ottobre del 1920. «Arengario in Luce» è un progetto finanziato dal Comune di Monza, in collaborazione con il video designer Vincenzo Fabiano.

Il programma del «Christmas Monza 2020», giunto alla quarta edizione, prevede anche «Mille Chitarre», sabato 5 dicembre alle ore 18. Sarà un’edizione speciale, in diretta streaming dalla «Sala della Pendola» della Reggia di Monza. I chitarristi di «Diffusione Arte» suoneranno insieme agli appassionati collegati da casa i brani dei più famosi cantautori italiani, da Lucio Battisti a De Gregori sino a Cesare Cremonini. Il testimonial di questa edizione «digitale» sarà Red Ronnie, presente in collegamento.
Torna anche quest’anno il concorso fotografico «Christmas Monza Contest Fotografico» sui temi relativi all’atmosfera del Natale monzese, rivolto a tutti gli appassionati di fotografia senza limiti d’età. L’idea del contest si sviluppa partendo da una frase augurale: le lettere che la comporranno costituiranno i temi giornalieri che saranno pubblicati sulla pagina Facebook del contest. Dall’1 al 24 dicembre sarà possibile inviare le foto per partecipare al concorso, mentre tutti potranno votare la foto preferita con un like sulla stessa pagina social fino al 6 gennaio. Il «Christmas Contest Monza Fotografico» è a cura dell’associazione culturale «Restart», con il patrocinio del Comune di Monza che ha messo a disposizione un montepremi di 600 euro: 300 euro al primo classificato, 200 al secondo e 100 al terzo. Il premio degli organizzatori sarà la medaglia della Luna, simbolo della città di Monza. Il regolamento del contest è su www.comune.monza.it – www.turismo.monza.it e sulla pagina Facebook «Christmas Monza Contest Fotografico».
I main partner delle iniziative sono: Acsm Agam – Enerxenia, Brianzacque, Coop Lombardia, Esselunga e FarmaCom – FarmaSalus. A loro si aggiungono: Assolombarda, BCC Carate Brianza, Fielmann, Grimaldi Immobiliare, GVilla Concessionaria, Natan Costruzioni, Norrgatan, Ottica Barzaghi, Partecipazioni Industriali, Tea Rose e Venus Concessionaria.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here