Lissone, presentati 14 progetti per il Recovery Plan

0
154

Il Comune di Lissone ha ufficialmente presentato alla Provincia di Monza e Brianza le proprie proposte di progetto da inserire nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (cosiddetto Recovery Plan) in vista della partecipazione ai bandi legati al Piano. Le 14 proposte presentate inglobano i differenti criteri indicati dal piano. I progetti  in quattro casi riguardano la viabilità del territorio, con la realizzazione della Pista Ciclabile Copernico-Carducci, la realizzazione di una rotatoria in via Toti lungo l’asse che unisce la città con Macherio, la pianificazione di interventi di mitigazione in via Nobel a seguito dell’apertura della SP6 e la realizzazione di una Ciclovia Est che unisca il Parco Urbano di Lissone agli altri Parchi della Provincia. Attenzione all’innovazione tramite un progetto che prevede nuove connessioni in fibra ottica privata fra Municipio e uffici dislocati sul territorio. In ambito socio-assistenziale, progettata la sistemazione del co-housing sociale al Centro Botticelli secondo nuovi bisogni e la sistemazione dell’ex Ospedale della carità per un progetto di alloggi protetti fra cui un innovativo “Dopo di noi” e un progetto sperimentale rivolto all’utenza diversamente abile. Attenzione all’ambito formativo con 5 richieste di finanziamento per adeguamento antincendio di scuole e asili e per adeguamento strutturale del Centro Diurno Disabili. Infine, presentato il progetto che riguarda la costruzione della nuova piscina comunale coperta. “Seguendo le indicazioni ricevute da Regione Lombardia e Provincia di Monza e Brianza, abbiamo definito 14 progetti che potessero avere ricadute a livello comunale e sovracomunale – afferma Concettina Monguzzi, sindaco di Lissone – La sintesi delle nostre idee è il frutto di un importante lavoro trasversale interno all’Ente, in cui i vari settori hanno collaborato attivamente per individuare, pianificare e progettare preliminarmente interventi di ampia visione. Come Amministrazione Comunale, abbiamo scelto di concentrarci in particolare sul concetto di sicurezza delle persone, declinandola dal punto di vista sociale, viabilistico, formativo e ludico”. Con una risoluzione votata dal Consiglio Comunale di Lissone nella seduta di martedì 27 luglio, si è inoltre stabilito di istituire un tavolo di lavoro composto dalle Forze politiche rappresentate in Aula che, a partire dal periodo autunnale, si faccia carico di analizzare e selezionare i progetti che via via verranno elaborati anche in virtù dei bandi emessi a livello regionale, nazionale o internazionale che daranno ulteriori indirizzi sulla destinazione dei fondi e sulle tipologie di utilizzo. La progettazione sarà di conseguenza in continuo sviluppo e proseguirà anche in tempi successivi, alla luce di ulteriori occasioni di finanziamento (ad esempio, il Fondo Complementare). Sulle proposte presentate dai Comuni brianzoli – fra cui il Comune di Lissone – si è già espressa la Provincia di Monza e Brianza che sta svolgendo un primo lavoro di test sui 180 progetti complessivamente depositati.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here