Lissone, polizia a scuola di… falsi

0
321

LISSONE –La lotta alla contraffazione e la difesa del ‘made in italy’ passano anche dai corsi d’aggiornamento. Come quello organizzato dai vigili lissonesi nei giorni scorsi. Un momento di formazione a cui hanno partecipato oltre 100 operatori di Polizia (alcuni provenienti addirittura da Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna) che si è svolto nella sala polifunzionale della Biblioteca a cura della Polizia Locale di Lissone in collaborazione con l’associazione di promozione sociale Foxpol di Milano, diretta da Carloenrico Gandini.

Complice la crisi, il mercato del falso e lo spaccio di «patacche» sono infatti in aumento anche nel Nord Italia e proprio per questo la giornata di studio specialistico e formativo aveva l’obiettivo di fornire agli operatori destinati al controllo del commercio le conoscenze principali in materia di registrazione e tutela dei marchi commerciali, al fine di potere individuare concretamente e con chiarezza le violazioni di legge più frequenti nella loro attività.

A guidare i partecipanti – inviati da ben 47 Comandi di Polizia Locale nonché dalla Polizia Provinciale di Monza, dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza – nel complesso intrico delle norme sulla proprietà industriale, i brevetti e I marchi, la tutela del «made in Italy» è stato Mario Emanuelli, ufficiale del Servizio Annonaria e Commerciale della Polizia Locale di Milano. Ampio spazio è stato dedicato pure all’attività di prevenzione della contraffazione e alle ricerche sulle banche dati.

Al seminario, che era destinato agli «addetti ai lavori», hanno partecipato anche la dirigente dell’Ufficio Commercio del Comune di Lissone Angela Levatino e i responsabili locali di Confcommercio, Confartigianato e «Lissone Commercia».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here