Lissone, Impronta Donna non si ferma

0
665

Eventi, concerti, conferenze, mostre e spettacoli teatrali, in occasione della ricorrenza della Giornata Internazionale della Donna. Promossa dall’Amministrazione Comunale e coordinata dagli assessorati alla Cultura e alla Persona, ritorna la tradizionale rassegna “Impronta Donna” nel mese di marzo che malgrado il coronavirus non si ferma. Saranno 5 gli appuntamenti – tutti a ingresso libero e gratuito, dal 19 marzo al 3 aprile – dedicati al mondo femminile, inseriti nell’ormai collaudato format «Impronta Donna 2020», e realizzati grazie alla collaborazione delle associazioni culturali di Lissone e delle associazioni di genere che fanno parte del Forum Donna. Protagonista assoluta all’interno di tutti gli eventi sarà la figura femminile, valorizzata e celebrata attraverso ogni forma artistica e culturale: teatro, musica, arte, mondo delle leggi e dell’innovazione. Il focus dell’edizione 2020 si evince già dal sottotitolo “Gener-Azione”, che apre riflessioni sul tema della “maternità”, non solo intesa in senso biologico, ma come capacità generativa di cultura e di valori, come potenzialità di progetti e conferimento di senso nella compagine sociale. «Impronta Donna 2020» conferma l’obiettivo di creare una rete di partecipazione tra le associazioni del territorio operanti sulle tematiche di genere, incoraggiandole a collaborare e a coordinarsi per coinvolgere la città. Gli eventi in programma sono proposti e curati dalle associazioni: A.MUS.LI – Associazione Musicale Lissonum, Athéna, Club Donna Natalia Ginzburg, Emergency Ong Onlus e QDonna. La conferenza finale che chiuderà il ciclo di incontri è realizzata dal Forum Donna, il tavolo di lavoro tematico promosso dall’Amministrazione Comunale. Alla luce dell’emergenza CoronaVirus, il Club Donna Natalia Ginzburg ha comunicato l’impossibilità per i gruppi coinvolti a proporre i due eventi originariamente programmati per le giornate di sabato 7 marzo (mostra di pittura “Una mano sicura”, in collaborazione con la Scuola Acquerello di Desio) e domenica 8 marzo (concerto del gruppo musicale lissonese Dream). Allo stato attuale sono confermati gli altri appuntamenti. Il appuntamento in programma sarà quindi giovedì 19 marzo (h. 21, Biblioteca Civica) con “La lingua madre di un territorio”; attraverso testi, brani musicali e illustrazioni multimediali, sarà l’occasione di scoprire o riscoprire il ruolo della donna nella Brianza contadina.

Venerdì 20 marzo (h. 21, Palazzo Terragni) andrà in scena “La donna invisibile”, recital malinComico di e con Giorgia Battocchio e Vincenza Pastore, musiche di Orazio Attanasio e fotografia di Sergio Nanetti. Precederà lo spettacolo il contributo di Manuela Russino, ostetrica dell’ospedale di Emergency in Afghanistan.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here