Lissone, il Comune batte cassa in Regione per gli alloggi

0
311

Un bando promosso a giugno dalla Regione Lombardia per il recupero e la riqualificazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, che destina circa 85 milioni di euro a fondo perduto ai Comuni che rientrano tra quelli classificati a «elevata intensità di fabbisogno abitativo». Il Comune di Lissone ha deciso di aderirvi chiedendo 130 mila euro di fondi regionali da destinare a sistemazioni urgenti in 26 alloggi comunali, nove dei quali sono attualmente sfitti e non assegnabili a famiglie bisognose appunto perché necessitano di vari lavori e manutenzioni straordinarie. Per questo la Giunta guidata dal sindaco Monguzzi ha approvato d’urgenza i progetti preliminari elaborati dal settore Lavori Pubblici e riguardanti nove appartamenti comunali attualmente non assegnati (opere di muratura, lavori di adeguamento di impianti elettrico e idraulico, imbiancature per un totale di 78mila euro) e altri 17 alloggi Erp – tutti in via Negri – che sono invece già occupati, ma hanno bisogno della messa a norma degli impianti elettrici e citofonici, per una spesa di 53 mila euro.
La domanda di finanziamento è stata appena presentata in Regione e si attende una risposta entro il prossimo 20 settembre. «Una bella opportunità per accorciare le graduatorie di collocamento negli alloggi pubblici comunali, che oggi comprendono ancora ben 233 richiedenti», hanno commentato a Palazzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here