Lissone ha finalmente il suo piano di emergenza

0
408

LISSONE – Sabato 5 luglio: una data a suo modo «storica» per Lissone che ha approva Il Piano di protezione comunale. Un provvedimento  spesso considerato come un semplice passaggio burocratico, ma che non lo è affatto come dimostrano i fatti di questi giorni con l’esondazione del Lambro e i gravi disagi causati dal maltempo. L’ok è arrivato all’unanimità dal consiglio comunale. Una seduta “solenne” alla presenza dei vertici provinciali (oltre che locali) di varie associazioni interessate: i Volontari di Protezione Civile col presidente del Comitato di coordinamento provinciale Giancarlo Costa, il presidente della sezione di Lissone Franco Galeazzi e la responsabile del settore operativo Lisa Inversini; i Vigili del Fuoco con il responsabile del Soccorso del Comando provinciale di Milano Tommaso Di Lena e il responsabile della stazione di Lissone Matteo Tedeschi; il responsabile provinciale Auser Gian Mario Boschiroli con il presidente lissonese Guglielmo Farina; la Croce Verde col suo presidente Giacomo Chiapparone; l’Associazione Nazionale Alpini e Corrado Villa per le Guardie Ecologiche Volontarie Provinciali.

Tutti i presenti sono intervenuti, sottolineando la soddisfazione per un documento che – oltre a colmare un oggettivo vuoto organizzativo (L’ultimo documento simile era stato varato nel 1994) offre l’opportunità di una crescita civile dei cittadini per quanto riguarda la conoscenza e la difesa del proprio territorio e costituisce un punto di partenza per un più puntuale coordinamento tra le realtà di volontariato locale sul tema delle emergenze ambientali.

Il Piano, redatto dallo specialista tecnico ingegner Angelo Campoleoni, è stato curato particolarmente dagli Uffici di Polizia Locale e dal comandante Antonio Liberato, che ha anche proposto che la prima esercitazione collegata al nuovo documento venga predisposta per la prossima sagra di Lissone, simulando un possibile scenario di emergenza collegato alla manifestazione di folla di piazzale degli Umiliati.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here