Lissone: giù le case Aler, lezioni spostate

0
578

 LISSONE – Durante la demolizione degli edifici Aler di via Di Vittorio, gli alunni della scuola elementare Buonarotti si trasferiranno alle Dante e Croce… Lo ha deciso il sindaco Concetta Monguzzi  con una ordinanza pochi giorni fa per tutelare la salute dei bambini. In sostanza, da lunedì 10 novembre al 19 dicembre le lezioni della scuola primaria Buonarroti saranno trasferitenelle scuole Dante e Croce, dove sono già state individuate le aule adatte.

Di conseguenza saranno trasferite provvisoriamente nella nuova sede anche tutte le funzioni connesse, in particolare il servizio di pre- e post-scuola e la mensa; in merito a quest’ultima, tutte le classi della scuola Buonarroti (sia quelle ospitate alla scuola Dante, sia quelle ospitate alla scuola Croce) pranzeranno utilizzando il refettorio della Croce e mantenendo l’attuale orario di inizio (12.20), senza interferire con il servizio rivolto agli alunni delle due scuole ospitanti.

Di concerto con i Dirigenti scolastici, sono già state individuate tutte le aule necessarie ad accogliere i 232 alunni della Buonarroti. Non ci sarà nessuna condivisione di classe e non sarà interessata nessuna aula attualmente in uso alle classi della Dante e della Croce, in quanto saranno provvisoriamente adattate alcune aule di servizio (biblioteca, sostegno, video, artistica, teatro); le ubicazioni precise saranno comunicate a tempo debito dalle insegnanti. Il trasferimento dei materiali didattici verrà effettuato dal pomeriggio di venerdì 7 a sabato 8 novembre, a cura degli operai comunali. Sarà anche predisposto un nuovo spazio all’aperto per la pausa pranzo degli alunni della Buonarroti.

LO SVOLGIMENTO DEI LAVORI ALER

Secondo il cronoprogramma presentato dalla Ditta appaltatrice Daf srl (specializzata in demolizioni e bonifiche), dal 3 novembre sono iniziati i lavori per la demolizione vera e propria delle scale (in totale 7) degli edifici Aler. Si comincerà dalla più lontana dalla scuola, la Scala A verso via Di Vittorio, allo scopo di «sfruttare» il più possibile la barriera naturale alle polveri e ai rumori costituita dalle altre scale ancora esistenti. Per ogni scala sono previsti circa 4 giorni di demolizione, seguiti da altri 3 per la frantumazione delle relative macerie.

Sempre secondo il cronoprogramma, la fine dei lavori di demolizione vera e propria e della rimozione delle macerie è prevista per il 23 dicembre 2014. Subito dopo verranno attivate le operazioni di modellazione del terreno e la rimozione della recinzione di cantiere, entro il 19 gennaio 2015. Dalla fine di gennaio al 2 aprile, invece, saranno condotti i lavori di consolidamento e messa in sicurezza delle scale rimaste e destinate alla ristrutturazione.

I DISAGI PREVISTI E LE MISURE DI CONTENIMENTO

Durante l’abbattimento il Piano operativo della sicurezza dispone l’uso di accorgimenti per abbattere i disagi e i potenziali rischi, sia per gli operatori sia per i residenti. Per esempio è disposto l’uso di particolari schermi di protezione sospesi a una gru, che «seguiranno» man mano l’opera di demolizione in modo da arginare fin da subito la caduta di schegge e detriti e anche limitare lo spargimento di polveri.

Le polveri peraltro verranno costantemente bagnate dai getti di «cannoni a nebbia», ovvero acqua nebulizzata, e poi una volta a terra saranno irrorate da altri getti di «lance a mitra», soprattutto nella fase di frantumazione e carico delle macerie.

Per i residenti delle case limitrofe verranno disposte recinzioni che impediranno a chiunque di avvicinarsi alla zona, per tutelarli da cadute di materiale dall’alto. Il maggior probabile disagio proverrà dal rumore; un’apposita Valutazione previsionale di impatto acustico, eseguita il 15 ottobre da un tecnico specializzato, impone il rispetto degli orari di cantiere tra le 7.30 e le 17.30 (con ulteriore divieto dei lavori più disturbanti dalle 7.30 alle 8.30 e dalle 12 alle 14) e consiglia l’uso di barriere fonoassorbenti intorno alla macchina per la nebulizzazione.

Non sono previsti invece particolari disagi né per le vibrazioni provocate dalle macchine di cantiere, né per l’aumento del traffico pesante. Le ruote dei mezzi di trasporto saranno lavate e ripulite dalla terra all’uscita del cantiere e transiteranno su via Di Vittorio, la quale sarà opportunamente tenuta pulita.

UN SERVIZIO INFORMAZIONI

Per tutte le ulteriori richieste di informazione e spiegazione e per eventuali segnalazioni, è possibile contattare i seguenti numeri:

  • ALER MB: centralino 0392171 dalle 9.00 alle 12.30 al lunedì al venerdì; reperibilità 3939294649 (ad uffici chiusi)

  • Comune di Lissone: Ufficio Ecologia – telefono 0397397379-204

dalle 8.30 alle 18.30 il lunedì e mercoledì; dalle 8.30 alle 14.30 il martedì, giovedì e venerdì;

  • Comune di Lissone: Polizia Locale – telefono 0397397277

Dalle 7.45 alle 19.15 dal lunedì al venerdì

Dalle 8.45 alle 18.15 il sabato

  • Comune di Lissone: Operatori di Comunità – il venerdì dalle 16.00 alle 18.00 presso il Cubotto, via Conti 1.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here