Lecco Film Fest a Maria Rita Parsi il Premio Lucia alla Carriera

0
153
Lecco 31 Luglio 2021, ITALY. Lecco Film Fest 2021 In the pictures: Incontro con Maria Rita Parsi © Stefano MICOZZI

“La donna sostiene il peso del mondo, la famiglia d’origine, i figli, il lavoro. Il concetto di ‘cura’ è associato alla sfera femminile” ha affermato la scrittrice elencando i punti chiavi del ruolo della donna nella società, mettendo poi in risalto il momento della maternità come un periodo chiave nella crescita dei figli. La vita si forma nel corpo della madre e proprio il buon rapporto con le figure di riferimento, la madre e il padre, aiutano i figli a crescere consapevoli di sé e ad evitare che l’uomo voglia prevaricare sulla donna e che le donne diventino nemiche tra di loro”. Lo ha detto la scrittrice e psicologa Maria Rita Parsi che sabato 31 luglio a Lecco ha ricevuto il Premio Lucia alla Carriera. In un dibattito con la giornalista Tiziana Ferrario e con Elena Mora la Parsi che è anche componente dell’Osservatorio nazionale per l’infanzia e Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana, ha affrontato il tema centrale della seconda edizione del festival, ovvero il ruolo della donna. La Parsi ha poi sostenuto che per affrancarsi dalle situazioni di disagio e inferiorità culturale fondanmentale per le donne è lo studio  “Con ‘Il progetto bambino’ stiamo portando avanti un sogno chiamato ‘La scuola al centro’, ovvero rendere le strutture scolastiche centri polivalenti del sapere aperti tutto il giorno con incontri, mostre e laboratori”, ha spiegato ricevendo il premio che ha dedicato a tutte le donne. Nella stessa giornata altri interessanti appuntamenti con il documentario di Laura Battaglia “Yemen nonostante la guerra”, proiettato sullo schermo del Nuovo Aquilone.  Interessante il dibattito su cultura e turismo al quale sono intervenuti Giovanni Cattaneo, assessore all’attività territoriale del Comune di Lecco e Fabio Dadati, presidente Lariofiere «Ci servono persone che scrivono e raccontano il territorio, che raccontano la nostra anima, quello che ci caratterizza. Una delle caratteristiche del nostro territorio è il fare, l’industria, l’artigianato ad esempio ed è questo che possiamo raccontare ai turisti».La terza giornata del festival è stata chiusa dall’incontro con la regista del film “Miss Marx” – proiettato sugli schermi del Nuovo Aquilone e dell’auditorium della Camera di Commercio – di Susanna Nicchiarelli  Grande partecipazione anche per il Ministro alle Pari Opportunità Elena Bonetti, domenica 1 agosto, e natiralmente nella serata per scrittrici come Rosa Teruzzi e attrici come Donatella Finocchiaro Il festival si chiude con la proierzione in anteprima nazionale di A Chiara il film di Jonas Carpignano, vincitore nell’ultima edizione del festival di Cannes della Quinzaine des Realizaterus, con la presenza delle sorelle protagoniste Swamy e Grecia Rotolo. Gli ospiti sono stati centro di incontri -lezioni con i 30 studenti di “Opera prima”, la scuola di formazione per i ragazzi degli ultimi due anni delle superiori, per introdurli alla scrittura di film, serie tv, storie da raccontare per immagini e aiutarli a comunicare le proprie esperienze. Un percorso che alterna momenti teorici a laboratori pratici, realizzato in collaborazione con l’Istituto Toniolo. Per i più giovani ci sarà anche l’intervento musicale di Leo Gassmann, vincitore del Festival di Sanremo 2020, sezione Nuove proposte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here