Da Lampedusa alla Brianza: i racconti del candidato all’Oscar Pietro Bartolo

0
846

È un volto ormai notissimo da quando ha partecipato a Fuocoammare, il film di Gianfranco Rosi candidato all’Oscar come migliore film straniero che già aveva vinto l’Orso d’Oro a Berlino. Pietro Bartolo, l’angelo dei migranti,  il medico di Lampedusa che per primo accoglie e visita i migranti scampati ai terribili viaggi sui barconi della speranza torna in brianza il 27 e 28 ottobre prossimi.
L’iniziativa è promossa dall’Associazione Senza Confini e dalla Rete RTI Bonvena (Rete costituita da più di una ventina fra associazioni, cooperative, enti ed imprese sociali impegnate nell’accoglienza richiedenti asilo in Brianza). L’itinerario inizia a Seveso dove nel pomeriggio di giovedì incontrerà i medici del territorio  poi alle 20, nella sede della Fondazione Lombardia
per l’Ambiente di Seveso (Largo 10 luglio 1976), e venerdì 28, sempre alla stessa ora, a lla Casa  del Volontariato di Monza (Via Correggio, 59) chiunque vorrà potrà partecipare all’aperitivo organizzato a favore del Fondo di Solidarietà Hope, cui seguirà la testimonianza del dottor Pietro Bartolo e della Diaconia Valdese che porterà l’esempio dei corridoi umanitari anche con la testimonianza di una famiglia di rifugiati.
Venerdì 28 ottobre, alle ore 10 all’interno del Bosco dei Giusti di Solaro Pietro Bartolo verrà  insignito dell’onorificenza di Giusto con la messa a dimora di un albero e un cippo a lui dedicato per il suo impegno umanitario sull’isola insieme ai suoi compaesani Alla cerimonia,  a fianco del medico di Lampedusa e del presidente del Parco Roberto Della Rovere,  parteciperà anch e il siriano Mohamed Hamadi, padre dello scrittore Shady Hamadi.  Sempre venerdì 28 ottobre  Bartolo sarà a Seregno presso il Centro don Orione per incontrare i richiedenti asilo che li sono ospitati e i rappresentanti delle associazioni seregnesi che compongono il Tavolo Migranti.  Sempre al don Orione di Seregno Pietro Bartolo visiterà la Porta del Dialogo l’installazione  dell’artista Enzo Biffi giunta a Seregno dopo aver transitato  a Monza in diversi e significativi  luoghi della vita sociale della città.
Poi l’incontro al Dipartimento di medicina e chirurgia della  Bicocca con gli studenti dell’Università e l’0rdine dei medici chirurghi e odontoiatri di Monza e  Brianza e infine, in serata, aperitivo e incontro alla Casa del volontariato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here