La realtà virtuale in aiuto degli anziani

0
282

Da pochi giorni presso il Centro Diurno Integrato (CDI) “Residenze del Sole” è stata avviata una sperimentazione in collaborazione con una laureanda dell’Università degli Studi Milano-Bicocca che per un mese valuterà l’impatto dell’uso di visori per la realtà virtuale, o in breve VR, sul benessere degli anziani, ospiti della struttura stessa.Questo progetto di tesi è condotto dalla laureanda Sara Lobasso e coadiuvato dal Prof. Andrea Garavaglia, docente di educazione mediale, che cercheranno di valutare quale influenza abbia l’uso di questi strumenti sulla comunicazione tra gli ospiti e gli educatori. Grazie a questo lavoro si potrà altresì confermare, come già dimostrato in altri studi, la valenza di questa tipologia di media tecnologici nell’aumento di sensazioni positive quando si visualizzano esperienze immersive rilassanti o legate a viaggi in località remote o ancora filmati di attività stimolanti e piacevoli come spettacoli teatrali, balli in gruppo o concerti.“Questa è un’ulteriore conferma di come i nostri servizi siano all’avanguardia – commenta la direttrice sociosanitaria Dott.ssa Cristiana Bonfanti – una delle nostre priorità è garantire il benessere dei nostri ospiti e riteniamo che questo tipo di iniziative aiutino a perseguire questo scopo”.

Agli anziani verrà chiesto di indossare un visore VR di ultima generazione con il quale poter visualizzare contenuti creati ad arte per intrattenere e rilassare il fruitore. Immaginate di poter essere teletrasportati in una placida foresta in compagnia di cerbiatti e teneri conigli, oppure di immergervi sotto la superficie del mare per nuotare con delfini e cavallucci marini o ancora di poter ammirare le bellezze artistiche di una capitale europea il tutto stando comodamente seduti sulla vostra poltrona: queste sono alcune delle esperienze VR che verranno proposte agli anziani che frequentano la struttura durante la sperimentazione.

L’educatore che “accompagnerà” l’ospite nel proprio viaggio virtuale, avrà a disposizione un tablet con cui poter monitorare in diretta tutto quello che viene mostrato all’interno del visore, così da poter interagire con l’anziano spronandolo a condividere le sensazioni che prova nel visualizzare i vari contenuti.

“Siamo orgogliosi di poter collaborare con Residenze del Sole in questo progetto – ha dichiarato Sergio Azzi, General Manager della 33MnT Italy Srl, la start-up innovativa che ha fornito gratuitamente la strumentazione tecnologica necessaria allo svolgimento della sperimentazione – sono molti gli ambiti in cui vengono utilizzate le tecnologie che proponiamo ed è sempre emozionante vederle applicate nel migliorare la vita di chi può effettivamente trarne il massimo vantaggio”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here